Valle Olona

Un fiocco dorato a Castellanza per sensibilizzare sul cancro infantile

Il sindaco Cerini: "Donare midollo osseo può salvare la vita di un malato che ha quell’unica speranza di ricominciare a vivere"

Un fiocco dorato a Castellanza per sensibilizzare sul cancro infantile
Valle Olona, 22 Settembre 2020 ore 16:20

Un grande fiocco dorato appeso sulla facciata del Palazzo Comunale di Castellanza per sensibilizzare i cittadini sul cancro infantile e dell’adolescente.

Fiocco dorato a Castellanza per accendere l’attenzione sul cancro infantile

Anche quest’anno il Comune di Castellanza, in collaborazione con l’Associazione “UN… DUE… TRE… ALESSIO” aderisce alla Campagna di Sensibilizzazione ‘Accendi d’Oro, Accendi la Speranza’, promossa a livello mondiale da Childhood Cancer International in occasione del ‘Settembre d’Oro dell’oncoematologia pediatrica”, al fine di riconoscere apertamente la forza, il coraggio e la resilienza dei bambini e dei teenager, difendere i loro diritti e quelli dei caregiver.

La campagna

La campagna “Accendi d’Oro, accendi la speranza” farà risplendere di luce dorata monumenti, punti iconici e luoghi di interesse per richiamare l’attenzione delle istituzioni e dell’opinione pubblica sui problemi e le necessità dell’oncoematologia pediatrica, un colore che ci ricorda quanto siano preziosi i bambini e gli adolescenti colpiti dal cancro, la principale causa di morte per malattia nei bambini.

I numeri del cancro infantile

Ogni giorno ci sono quasi 700 nuovi casi di cancro infantile in tutto il mondo. In Europa, 35.000 casi ogni anno. In Italia, circa 2.400. Di questi, l’80% guarirà; il 20% non supererà la malattia. In Europa muoiono ogni anno circa 6.000 bambini. Con una maggiore sensibilizzazione sul cancro infantile, si avranno maggior consapevolezza dei primi sintomi, diagnosi più precoci, un aumento dei finanziamenti alla ricerca, terapie più adatte e più mirate ai bambini e, in ultima analisi, un miglioramento nei risultati di cura dei bambini con diagnosi di cancro pediatrico.

Luce sul tema in Comune

E’ con sentita partecipazione che l’Associazione Un… Due… Tre… Alessio ha aderito alla Campagna Internazionale di sensibilizzazione sul cancro infantile, chiedendo il prezioso coinvolgimento dell’Amministrazione Comunale di Castellanza, che con molto piacere si è attivata. L’atrio del Palazzo Comunale di Castellanza resterà illuminato fino alle 23.30 tutta la settimana dal 21 al 27 settembre e sulla facciata rimarrà esposto un grande nastro dorato, simbolo dell’oncoematologia pediatrica.

“Una settimana nella quale far sentire ancor di più la nostra vicinanza ai bambini, ai ragazzi e alle loro famiglie che hanno affrontato e stanno affrontando con forza, coraggio e resilienza il difficile percorso della malattia oncologica. Non siete soli … noi siamo con voi e vi mandiamo un abbraccio pieno di speranza!”, commenta Sonja Caputo, mamma di Alessio di Bona a cui è dedicata Un… Due… Tre… Alessio e Presidente dell’ Associazione (unduetrealessio.weebly.com ).

Il sindaco: “Donare può suscitare speranza”

“Come Amministrazione Comunale anche quest’anno abbiamo aderito molto volentieri alla campagna di sensibilizzazione, su proposta di Sonia Caputo e dell’associazione Un… Due… Tre… Alessio con cui abbiamo costruito un ottimo rapporto di collaborazione in questi anni – dichiara il Sindaco della Città di Castellanza, Mirella Cerini -. In una società purtroppo sempre più individualista ed egoista, la logica del “dono” è spesso messa in discussione. Donare, invece, può suscitare una speranza, può ricostruire legami, può diffondere quella fiducia che poi ritorna a beneficio di tutti. Noi siamo convinti che sia fondamentale e importante fare qualcosa per il bene di altri perché questa è la strada per generare una società migliore e siamo convinti che tante sono le persone sensibili che vogliono e possono fare qualcosa. Donare midollo osseo può salvare la vita di un malato che ha quell’unica speranza di ricominciare a vivere”.

TORNA ALLA HOME

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia