Cronaca
Brianza

Trovato un cadavere sepolto sotto un campo di granoturco: identificato

indagini in corso per risalire al luogo dell'omicidio: le piste portano verso l'ex carcere abbandonato, poco distante

Trovato un cadavere sepolto sotto un campo di granoturco: identificato
Cronaca 22 Settembre 2022 ore 09:33

C'è voluto quasi un mese di analisi e indagini, ma alla fine è stato identificato il cadavere che a fine agosto era stato trovato sepolto in un campo di granoturco a Desio, in Brianza.

Cadavere trovato in un campo a Desio

Il corpo era stato trovato il 27 agosto, in un terreno agricolo tra la caserma della Compagnia dei Carabinieri di Desio, in via Caduti di Nassiriya, e l'ex carcere abbandonato. Il cadavere, già in stato di composizione, sarebbe stato parzialmente sotterrato tre giorni prima.

Ora, quasi un mese dopo, sono arrivati i primi risultati dalle analisi eseguite dai Ris.

Cinquant’anni, nordafricano, ucciso forse in una lite tra sbandati in uno stabile abbandonato, e portato nel vicino campo di granoturco, dove è stato sepolto frettolosamente nella terra. Le indagini dei Carabinieri portano verso l’ex carcere del comune brianzolo, a poche decine di metri dalla caserma dell’Arma. Un edificio dismesso, negli anni diventato rifugio per emarginati, dove gli specialisti del Ris, intervenuti con un sopralluogo in zona il primo settembre, hanno rilevato evidenti tracce di sangue, dovute presumibilmente a una lite violenta.

Si attendono gli esiti dell'autopsia

Si attendono gli esiti dell’autopsia per chiarire le cause del decesso: servono ulteriori esami istologici. Accertamento reso difficile dalle condizioni del cadavere che, esposto al calore per almeno una settimana, è in stato di decomposizione, nonostante fosse coperto dalla terra (era parzialmente visibile un braccio). La vittima sarebbe stata comunque identificata, dal riscontro delle denunce di scomparsa. Sarebbe un nordafricano di mezza età. Gli investigatori pensano a una lite per questioni di droga.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter