Cronaca

Trovato picchio ferito al cimitero: la Prociv lo salva

Una donna ha allertato i volontari dopo la scoperta e oggi il volatile è al sicuro nel bosco di Vanzago gestito dal WWF.

Trovato picchio ferito al cimitero: la Prociv lo salva
Comasca, 18 Settembre 2020 ore 15:02

Trovato picchio ferito al cimitero: una concittadina ha allertato la Protezione civile di Mozzate nelle giornata di ieri, giovedì 17 settembre, e nel giro di poche ore l’uccello è stato messo in salvo.

Trovato picchio ferito al cimitero: la Prociv lo salva

Un esemplare di picchio verde è stato trovato ieri, giovedì 17 settembre, all’interno del cimitero da una mozzatese che ha subito lanciato l’allarme vedendo che l’uccello fosse ferito a una zampetta e non riuscisse più a spiccare il volo. I volontari della Protezione civile si sono precipitati dalla donna, che nel frattempo aveva messo in salvo il picchio all’interno di una scatola, e hanno preso il volatile in custodia e oggi, venerdì 18 settembre, l’hanno consegnato allo staff del WWF nel Bosco di Vanzago. Qui verrà curato e tenuto sotto osservazione per qualche giorno e poi verrà liberato: le condizioni di salute del volatile non sono infatti preoccupanti.

Trovato picchio ferito al cimitero: il racconto della mozzatese

La mozzatese, autrice di un gesto di così grande generosità, ha raccontato sui social quanto avvenuto nel pomeriggio di ieri al cimitero.

Nel tardo pomeriggio sono stata al cimitero, vicino a una delle fontanelle c’era un uccello mai visto prima, il signore vicino a me ha dedotto che poteva essere un picchio, effettivamente guardando le foto su Internet era proprio un picchio verde dalla testa rossa, purtroppo non volava aveva una zampina storta. Non sapevamo cosa fare, lasciarlo li magari di notte qualche gatto o qualche corvo l’avrebbe ucciso quindi ho deciso di prenderlo,tentava di beccarmi l’ho portato al consorzio mi sono fatta dare una scatola di cartone e l’ho adagiato li dentro, poi ho chiamato la Protezione civile che dopo neanche 5 minuti è arrivata e l’avrebbe portato alla Lipu o al Bosco di Vanzago dove senz’altro lo cureranno. Spero di avere fatto la cosa giusta.

TORNA ALLA HOME

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia