Cronaca

Strada chiusa per frana, colpito treno merci VIDEO e FOTO

Nella notte, quattro metri cubi di roccia si sono staccati da una parete e sono caduti a valle. Interrotta anche la circolazione ferroviaria.

Cronaca Valli e Laghi, 14 Dicembre 2018 ore 11:27

AGGIORNAMENTO DELLE 14: Proseguono le operazioni di verifica e messa in sicurezza a seguito della frana che ha interessato la linea ferroviaria Gallarate-Zenna e la SS 394 nel comune di Maccagno con Pino e Veddasca. Sul posto una squadra dei vigili del fuoco del locale distaccamento congiuntamente ai tecnici di RFI, ANAS e del Comune. Attualmente la viabilità rimane interrotta. Nel tardo pomeriggio di oggi si potrebbero avere ulteriori informazioni in merito al ripristino della rete ferroviaria e di quella viaria.

 

Strada chiusa per frana nel comune di Maccagno. E' successo questa notte, intorno alle 2. Colpito treno merci di passaggio. Interrotta anche la circolazione ferroviaria.

Strada chiusa per frana, colpito treno merci

Oggi, venerdì 14 dicembre 2018, alle 2, i vigili del fuoco del distaccamento di Luino, sono intervenuti nel comune di Maccagno con Pino e Veddasca (Va), sulla SS 394 al km 39+500 per una frana. Circa quattro metri cubi di roccia si sono staccati da una parete e sono rovinati a valle. Il materiale è finito in parte sulla linea ferroviaria urtando un treno merci in transito e in parte sulla sottostante strada. Sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco con un’autopompa e un’autoscala, gli operatori hanno effettuato un sopralluogo congiuntamente ai tecnici di ANAS e RFI.

7 foto Sfoglia la gallery

Allo stato attuale il materiale è stato rimosso, ma sia l’arteria stradale che la linea ferrata rimangono chiuse al traffico, in attesa di sopralluoghi più approfonditi che sono in corso. Si registrano dei forti disagi per la circolazione in quanto le due linee sono cruciali per i collegamenti tra l’alto Verbano e la vicina Svizzera.

TORNA ALLA HOME PER TUTTE LE ALTRE NOTIZIE

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter