Cronaca
L'incontro

Sicurezza nel Parco delle Groane: incontro con Regione, sindaci e Polizia

Enti e istituzioni continuano a fare squadra per la sicurezza dell'area e dei suoi frequentatori

Sicurezza nel Parco delle Groane: incontro con Regione, sindaci e Polizia
Cronaca Groane, 07 Gennaio 2023 ore 09:21

Inizio d’anno con focus su un tema che sta molto caro a tutti i frequentatori del grande Parco delle Groane e della Brughiera Briantea, e a chi ne amministra i territori che lo compongono, ovvero la sicurezza.

Istituzioni a confronto per la sicurezza nel Parco delle Groane

Un momento di confronto tra Regione Lombardia, le polizie locali, le Province, i sindaci e gli assessori alla Sicurezza, per dare anche i primi risultati degli interventi integrati di sicurezza urbana nell’ambito del progetto “Parco Groane 2022” finanziato da Regione Lombardia e parlare dei prossimi accordi di collaborazione per il 2023.

L’appuntamento è per martedì 10 gennaio 2023 alle 11 nell’auditorium del Parco in via della Polveriera 2, a Solaro. Prevista la partecipazione anche dell’assessore regionale alla Sicurezza, Romano La Russa, oltre che di dirigenti e funzionari di Palazzo Lombardia.
Un mese fa, proprio l’assessore La Russa aveva annunciato l'installazione di 4.300 impianti di videosorveglianza nei parchi lombardi entro la fine di quest’anno grazie a 15 milioni di euro messi a disposizione (in varie tranche).

“Sicurezza significa percorrere a piedi o in bicicletta, vivere il nostro Parco in completa tranquillità – commenta Emiliano Campi, presidente del Parco delle Groane e della Brughiera Briantea – Sapere di avere al nostro fianco la Regione, le Prefetture, le Province e i Comuni è indispensabile per noi. In questi ultimi due anni si è fatto molto grazie al gioco di squadra tra gli Enti e gli amministratori. Il ruolo della Regione rimane però fondamentale e, prima con l’assessore Riccardo De Corato, e ora con Romano La Russa è stato avviato un percorso condiviso e coordinato per la sorveglianza del territorio. Nessuno ha la bacchetta magica, certo. Il territorio è molto vasto e i numeri degli agenti di polizia locale limitati per sorvegliarlo. Detto questo, grazie alla collaborazione dal 2021 è stato avviato un progetto condiviso per la prevenzione e la repressione delle attività criminose ancora presenti in alcune aree boschive, in particolare lo spaccio. Non dobbiamo abbassare la guardia”.

Tre Prefetture al tavolo

“Anche nell’ultimo incontro con i sindaci (lo scorso 20 dicembre ndr) per l’approvazione del Dup 2023-205 (Documento unico di programmazione) – ricorda sempre il presidente Campi – gli amministratori locali e in particolare Magda Beretta, primo cittadino di Senago hanno ricordato l’importanza di un tavolo della Sicurezza congiunto tra le Prefetture di Milano, Monza e Brianza e Como per contrastare il fenomeno dello spaccio. Le persone perbene, le famiglie, le associazioni e i gruppi del territorio devono riappropriarsi di ogni metro quadrato di Parco, frequentarlo ogni giorno, a qualsiasi ora. Videosorveglianza, presidio del territorio con forze dell’ordine, organizzazione di eventi e manifestazioni pubbliche, sono le medicine di questa visione che deve curare e preservare il nostro polmone verde".

Seguici sui nostri canali