Emergenza

Saronno chiama Bergamo: il toccante video su un’infermiera della terapia intensiva

La storia di Filomena Ferraiuolo e del reparto di Rianimazione di Saronno che sta svolgendo un ruolo fondamentale nella pandemia.

Cronaca Saronno, 09 Gennaio 2021 ore 13:30

Saronno chiama Bergamo: così si intitola l’emozionante video che, poco dopo la sua pubblicazione di ieri, venerdì 8 gennaio 2021, ha già commosso migliaia di persone. L’autrice del video è Laura Ferloni, che ha collaborato con Armando, figlio dell’infermiera Filomena Ferraiuolo, protagonista del video che fa rivivere l’incubo, ma anche le gioie e le speranze, vissuti in questi mesi drammatici di pandemia nella terapia intensiva dell’ospedale di Saronno.

Saronno chiama Bergamo: il toccante video su un’infermiera della terapia intensiva

Il video inizia dal 19 marzo 2020, giorno della Festa del papà, in cui l’infermiera Filomena chiama Bergamo per mettere in contatto un paziente della terapia intensiva con la sua famiglia che non vedeva da tempo. Una sorpresa che non può che commuovere anche la stessa infermiera. Nei minuti del toccante reportage si respira tutta la preoccupazione dello staff dell’ospedale che spesso, sentendosi disarmato, ha dovuto, giorno dopo giorno, garantire cure, sorrisi e conforto ai propri pazienti, molti in fin di vita, preoccupandosi nel frattempo di non contagiarsi per tutelare se stessi e le proprie famiglie a casa. Non manca il dolore per la perdita della madre, scomparsa proprio nei mesi della pandemia, ma anche l’amarezza per la seconda ondata, scoppiata per le troppe leggerezza nella stagione estiva, e la rabbia per i troppi negazionisti, arrivati persino al punto di prendersela con chi da mesi salva vite, vestendosi da “astronauta” e affrontando turni massacranti e grandi sacrifici. Alla fine però ad avere la meglio è un sentimento di riconoscenza per chi, come Filomena, ha davvero dato tutto se stesso nel reparto di Rianimazione dell’ospedale di Saronno.

TORNA ALLA HOME

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Curiosità