Chiesa

Riparte l’Azione Cattolica, in duomo nominato il nuovo Presidente

L'Arcivescovo ha affidato a soci e laici la missione di "custodire la normalità"

Riparte l’Azione Cattolica, in duomo nominato il nuovo Presidente
Varese, 21 Settembre 2020 ore 09:31

Con la Messa celebrata ieri pomeriggio, domenica  20 settembre, in Duomo dall’Arcivescovo di Milano, mons. Mario Delpini, si è concluso il percorso dell’Assemblea diocesana elettiva dell’Azione cattolica ambrosiana. Dopo il saluto della presidente uscente, Silvia Landra, l’Arcivescovo ha consegnato il mandato ai presidenti parrocchiali e di unità pastorale eletti nel corso del cammino assembleare.

Nuovo Consiglio dell’Azione Cattolica: “Custodi della normalità”

Alla Messa hanno partecipato il nuovo Consiglio diocesano di Azione cattolica e un’ampia rappresentanza dei soci (ragazzi, giovani e adulti). Nell’omelia mons. Delpini ha sottolineato che

“in questi tempi strani e complicati forse si può dire che i soci dell’Azione Cattolica sono incaricati di promuovere e custodire la normalità. (…) È normale pregare! Che lo si veda, che lo si senta dire, che lo si pratichi con quella dedizione di tempo che la condizione di vita rende possibile. Il segno che chiedo è di fissare un tempo di preghiera e di viverlo se possibile in chiesa”.

La missione dei laici

“La missione dei laici di Azione cattolica – ha proseguito l’Arcivescovo – è la normalità della vita quotidiana come contesto adatto alla comunione con Dio, quindi alla santità. Perciò i laici di Azione cattolica sono mandati perché entrino in ogni ambiente, nella vita di famiglia e nei consigli comunali, nelle scuole e negli uffici, negli ospedali e nelle case di riposo, nella giovinezza e negli anni della responsabilità, in ogni ambiente, non per mimetizzarsi nella omologazione ma per essere segno della vicinanza del Regno di Dio». Infine, ha concluso mons. Delpini, «è normale (per i discepoli del Signore) essere uomini e donne di speranza. Il segno che chiedo è la gioia, la gioia che non si lascia spegnere dalle tribolazioni e dalle difficoltà”.

Gianni Borsa nuovo presidente

Al termine della celebrazione è stato annunciato dall’Arcivescovo il nome del nuovo Presidente diocesano, scelto fra una terna di nomi votati nella sua prima seduta, il 13 settembre, dallo stesso Consiglio diocesano. Si tratta di Gianni Borsa.

56 anni, sposato con quattro figli, giornalista professionista, Gianni Borsa ha lavorato per un decennio al settimanale diocesano Luce di Varese-Altomilanese, per poi dirigere – negli anni 2000/2003 – il settimanale Il Resegone di Lecco. Dal 2003 è corrispondente dell’Agenzia SIR (Conferenza episcopale italiana) da Bruxelles e si occupa di politiche comunitarie. È direttore della rivista nazionale di Azione cattolica Segno nel mondo, delle riviste della Fondazione Missio (tra cui Popoli e Missione) e della rivista storica Impegno, della Fondazione Don Primo Mazzolari. È autore di diverse pubblicazioni sull’integrazione europea e sulla storia del movimento cattolico in Italia.

TORNA ALLA HOME

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia