Sanità

Riparte l’attività chirurgica: obbiettivo 3600 interventi entro fine anno

Passata la fase critica, gli ospedali varesini si preparano a tornare al "normale" lavoro interrotto dall'emergenza

Riparte l’attività chirurgica: obbiettivo 3600 interventi entro fine anno
Varese, 21 Maggio 2020 ore 16:57

L’Asst Sette Laghi riparte con decisione dopo la sospensione dell’attività chirurgica programmata scattata a fine febbraio per far fronte all’emergenza Covid-19.

Si torna in sala operatoria

Già in questi giorni sta riprendendo l’attività chirurgica rimasta in sospeso nelle ultime settimane a causa dell’emergenza Covid-19, nel pieno rispetto delle norme per garantire la massima sicurezza a pazienti ed operatori. L’obiettivo è arrivare a fine anno con un’attività chirurgica pari ad almeno il 70% di quella erogata in condizioni normali, nonostante i tre mesi di sospensione.

Piede sull’acceleratore

Per raggiungerlo, ci saranno fasi in cui l’attività chirurgica raggiungerà punte pari all’80% e oltre di quella a regime. Massima priorità alla chirurgia oncologica di ogni specialità e a quella finalizzata al trattamento di patologie tempo-dipendenti: per questi ambiti, l’attività garantita sarà del 100%. Per la precisione, si tratta degli interventi eseguiti dalla Breast Unit e di tutti gli interventi oncologici o legati a patologie tempo-dipendenti eseguiti dalla Chirurgia generale ad indirizzo toracico, dalla Chirurgia generale ad indirizzo endocrino-metabolico, dalla Chirurgia generale ad indirizzo oncologico, dalla Neurochirurgia, dall’Otorinolaringoiatria e dall’Urologia.

Si punta a 3600 interventi

In numeri, l’obbiettivo dell’Asst Sette Laghi è di arrivare a 3600 interventi da giugno alla fine dell’anno: solo gli ambiti sopra elencati comportano l’esecuzione, tra giugno e dicembre, di oltre 1300 interventi. A questi si aggiungeranno altri 2.300 interventi di tutte le altre discipline chirurgiche.

TORNA ALLA HOME

Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
ANCI Lombardia