Cronaca

Ricoverato a Legnano l'operaio italiano da mesi in terapia intensiva in India

E' rientrato nella notte ed è ricoverato a Legnano Stormo Alessio Tosetto, l'uomo di 46 anni in gravi condizioni di salute da mesi in India

Ricoverato a Legnano l'operaio italiano da mesi in terapia intensiva in India
Cronaca Alto Milanese, 24 Agosto 2018 ore 14:47

E’ atterrato nella notte l’aereo che ha riportato in Italia l’operaio da settimane ricoverato a New Delhi

Ricoverato a Legnano

E’ rientrato nella notte su un Falcon del 31° Stormo Alessio Tosetto, l’uomo di 46 anni in gravi condizioni di salute bisognoso di essere rimpatriato dall’India. Originario di Vigevano, durante il volo è stato assistito da un’equipe di medici dell’Ospedale Civile di Legnano, dove è stato successivamente trasferito in ambulanza.

I primi problemi a inizio agosto

Da inizio agosto, a seguito di paralisi muscolare e insufficienza respiratoria dovuta a sindrome di Guillain-Barre’,  Tosetto era ricoverato presso l’U.O. Stroke Unit dell’Indraprastha Apollo Hospital di New Delhi.

Il presidente della Regione Fontana: “Un grande lavoro di squadra”

“Appena ci siamo resi conto della gravita’ della situazione – ha commentato il presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana – abbiamo cercato in ogni modo di riportare Tosetto in Italia. C’e’ stato un grandissimo lavoro di squadra che ha consentito rimpatriare un paziente in condizioni critiche. Non e’ stato semplice, ci sono stati diversi intoppi non solo burocratici, ma oggi Tosetto può essere curato
a casa, vicino ai suoi famigliari che lo aspettavano da settimane”.

Un trasporto a rischio elevatissimo

Ricoverato a seguito di paralisi muscolare e insufficienza respiratoria dovuta a sindrome di Guillain-Barre’ a New Delhi le condizioni cliniche e respiratorie compromesse del paziente  – afferma l’assessore alla sanità di Regione Lombardia Giulio Gallera -, hanno comportato il ricorso a una tracheotomia, al fine di gestire meglio le problematiche respiratorie. Durante la degenza, nel corso del ricovero, si è sviluppata una polmonite, anche a seguito della necessita’ di adottare la tecnica della ventilazione meccanica. “Tutto cio’ –
ha proseguito l’assessore – ha portato a un peggioramento dello stato di salute e a una precarietà estrema delle condizioni
respiratorie. In ultima analisi e’ risultato un paziente estremamente compromesso che ha richiesto, per il proseguimento delle cure in Lombardia, un trasporto sanitario a elevatissimo rischio”.

 

 

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter