Cronaca
Saronno

Rapine agli studenti a Saronno, sei minori segnalati alla Procura. Tre ai domiciliari

Tre di loro non sono imputabili perchè hanno meno di 14 anni. Per gli altri le accuse sono di tentata rapina e rapina in concorso

Cronaca Saronno, 23 Febbraio 2022 ore 10:53

Sei minori, di cui due non imputabili poiché di età inferiore ai 14 anni, sono stati segnalati dai Carabinieri di Saronno alla Procura Minorile di Milano che per tre di loro ha disposto la misura cautelare della permanenza domiciliare con il divieto di comunicazione con l’esterno.

Rapine agli studenti, sei segnalati: hanno 13 e 14 anni

Il provvedimento è stato emesso al termine delle indagini condotte dai Carabinieri che nel mese di ottobre dello scorso anno avevano raccolto le denunce di alcuni studenti rimasti vittime di rapine lungo il percorso per andare a scuola.

La mattina del 5 ottobre scorso i giovani che avrebbero poi sporto denuncia erano stati fermati nel centralissimo Corso Italia da alcuni coetanei, che prima avevano chiesto loro di cambiare alcune banconote e poi, appena li avevano portati in una zona più defilata, li avevano minacciati e aggrediti facendosi consegnare i soldi.

Il giorno successivo alla denuncia, i Carabinieri della Compagnia di Saronno si erano appostati, in borghese, in osservazione della zona del centro individuando così un gruppo di ragazzini compatibili con le descrizioni raccolte. Fermati e condotti presso gli uffici della Caserma poiché privi di documenti, sono stati identificati e confrontati (con esito positivo) con le immagini di videosorveglianza acquisite il giorno precedente e che avevano ripreso alcune fasi dell’avvicinamento alle vittime.

I giovani identificati sono due 13enni non imputabili e quattro quattordicenni tutti di origini straniere e per questi ultimi l’accusa è di rapina in concorso e rapina tentata con l’aggravante di aver commesso il reato in più di cinque persone e di aver determinato alla commissione di un reato una persona non imputabile.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter