Cronaca
Varese

Rapina, estorsione e sequestro di persona: tre arrestati a Varese

Prima gli avevano preso il telefono poi chiesto un riscatto. Rimanendo quasi a bocca asciutta perchè il bancomat era fuori uso

Rapina, estorsione e sequestro di persona: tre arrestati a Varese
Cronaca Varese, 20 Ottobre 2021 ore 15:05

Avevano rubato il telefono a un connazionale, costringendolo a prelevare per pagare il riscatto. Ma erano rimasti a bocca asciutta: lo sportello non funzionava.

Rapina, estorsione e sequestro di persona: tre arrestati a Varese

Sfortunati e arrestati. Sono stati arrestati dagli uomini della Questura di Varese tre nordafricani pregiudicati, da tempo dediti a piccoli reati nella Città Gardino, accusati di aver rubato, la sera del 7 settembre, il cellulare a un quarto nordafricano costringendolo a prelevare per pagare il riscatto e sequestrandolo per diversi minuti.

I tre, due marocchini di 20 e 27 anni e un libico di 30, stavano bivaccando davanti alla stazione di piazzale Triste. Con loro la vittima, un altro nordafricano che si trovava a Varese per motivi di lavoro. Mentre chiacchieravano i tre gli avevano rapidamente sottratto il telefono cellulare chiedendogli un riscatto per riaverlo indietro.

Sportello fuori uso, niente riscatto

Una richiesta cui la vittima aveva acconsentito, temendo di perdere altrimenti tutti i contatti e i dati del suo lavoro salvati sul telefono. Però non aveva con sè i contanti, e doveva quindi andare a prelevare.

I tre, continuando a minacciarlo di non restituirgli il dispositivo, lo hanno accompagnato all'ufficio Postale più vicino per prelevare i soldi. Lo sportello però era fuori uso. I tre lo hanno "blindato" per diversi minuti, per poi ritentare. Ancora nulla da fare e i tre, a quel punto, se n'erano andati col telefono.

Riconosciuti e arrestati

Qualche giorno dopo il rapinato, transitando per il piazzale Trento, si è accorto che nei pressi del supermercato c'era uno dei tre rapinatori. A quel punto ha subito chiamato il 113 e un equipaggio dei Poliziotti di Quartiere lo ha raggiunto, individuando e identificando il 20enne accusato di rapina.

Le successive indagini hanno permesso di risalire ai due compari. Tutti e tre sono già noti alle forze dell'ordine per reati contro il patrimonio, stupefacenti e altri reati e sono stati denunciati per rapina, estorsione e sequestro di persona.

L’Autorità Giudiziaria procedente, sulla base degli elementi raccolti, ha quindi emesso, lo scorso 14 ottobre, il provvedimento di Fermo di Indiziato di reato, incaricando per l’esecuzione gli uomini dell’U.P.G.S.P. I Poliziotti di Quartiere non hanno perso tempo e hanno fermato due di loro già nel corso dello stesso pomeriggio del 14 ottobre, mentre il terzo è stato fermato la mattina di sabato 16 ottobre. Tutti e tre ora si trovano nel carcere cittadino.