Tradate

Quattro gattini chiusi in un sacco e gettati, salvati grazie al fiuto di un cane

Recuperati in via Della Spiga sono stati affidati alle volontarie animaliste che ora li allattano col biberon attendendo padroni che li possano amare e coccolare

Quattro gattini chiusi in un sacco e gettati, salvati grazie al fiuto di un cane
Tradate, 19 Settembre 2020 ore 16:53

 

E’ stato il fiuto di un cane a passaggio con Sara, la padrona, a ritrovare in un sacco di plastica chiuso i quattro gattini. Avevano pochi giorni di vita, ma erano coperti di sangue, mosche e larve. Affidati alle volontarie Premoli e Giordan si stanno riprendendo: “Un atto barbaro, ignobile, chi li ha gettati voleva ucciderli”.

Quattro gattini vivi chiusi in un sacco e gettati nel bosco

 

Quattro gattini vivi chiusi in un sacco dell’immondizia e gettati come stracci vecchi nel bosco. Il destino ha voluto che sulla strada di via Della Spiga passasse un  cane che li ha fiutati e appena ha sentito i miagolii arrivare dal sacco  che si muoveva si è messo ad abbaiare con insistenza  attirando l’attenzione della padrona, Sara, che una volta aperto il sacco ha trovato i 4 micini sporchi di sangue e avvolti da larve e mosche. Erano vivi, ma chissà per quanto lo sarebbero stati ancora se non fossero passati loro.
Come tutte le storie a lieto fine, anche in questo caso per soccorrere i gattini è scattato l’allarme generale e si sono mobilitate le animaliste Alessandra Premoli e Teresa Giordan che li hanno presi in custodia, lavati e ora col biberon li nutrono.

 

I gattini erano coperti di sangue e larve “salvati” dalle animaliste

I felini hanno circa 17-20 giorni (al momento del ritrovamento, martedì scorso) sono stati strappati alla genitrice, ancora da allattare e gettati come rifiuti, a riprova di una comune coscienza civile che ogni giorno porta episodi analoghi, uniti dal filo rosso e brutale della violenza e della barbarie sugli animali.
«I gattini oltre ad essere in condizioni disperate erano avvolti di sangue non loro – spiega Alessandra Premoli della Laav – Abbiamo il forte sospetto che sia quello della mamma gatta a cui potrebbe essere successo qualcosa di grave». Grazie ai loro «angeli» i gattini sono stati lavati, puliti e per le prime ore sono stati alimentati tramite sondino sotto la supervisione di una balia- veterinaria.

Allattati al biberon

Uno dei gattini salvati ad un destino infausto è allattato al biberon dalle volontarie Premoli e Giordan

Le volontarie Teresa e Alessandra stanno prestando tutte le cure necessarie: «In questi giorni stanno iniziando ad attaccarsi al biberon e li allattiamo giorno e notte». Si stanno riprendendo, ma l’indescrivibile episodio di violenza accende i riflettori sul grave e fenomeno del maltrattamento  degli animali.

Atto barbaro e vile

«Abbandonare queste indifese bestiole in questo modo vile è da bestie umane perché l’intento era chiaramente di ucciderli.  – tuona Premoli – Le soluzioni ci sono. In primis la sterilizzazione dei propri animali, di gatti senza casa ce ne sono già molti e lo sappiamo bene visto che spesso veniamo allertati per recuperarli e trovar loro un padrone che li ami e se ne prenda cura. Nel caso in cui – continua Premoli   – uno non voglia aver cuccioli per casa e si trovi in difficoltà a gestirli basta segnalare a noi o chi di dovere la loro presenza ed affidarli ad associazioni di volontariato o famiglie più accoglienti. Il problema non si risolve con la violenza».  Quando riusciranno a nutrirsi autonomamente potranno essere adottati. Sono dolci e affettuosi e hanno tanto bisogno di padroni che li possano amare.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia