Cronaca
Saronno

Presi due baby rapinatori che avevano derubato un 16enne a Saronno

La rapina era avvenuta il 26 gennaio. Fermati nei giorni scorsi, uno dei due aveva ancora con sè il telefono rubato

Presi due baby rapinatori che avevano derubato un 16enne a Saronno
Cronaca Saronno, 20 Aprile 2022 ore 10:36

Sono stati individuati e portati in due comunità i due ragazzini che il 26 gennaio avevano rapinato un 16enne in via San Francesco a Saronno.

Saronno, presi due baby rapinatori

Solo quindici anni e già una rapina nel curriculum. Per loro l'Autorità Giudiziaria ha disposto il collocamento in comunità, uno in provincia di Varese, l'altro in quella di Pavia, perchè ritenuti responsabili della rapina avvenuta il 26 gennaio in via San Francesco.

Era all'incirca mezzogiorno quando due ragazzi italiani di origine straniera avevano avvicinato la vittima. I due, dopo averlo chiamato per nome, avevano aggredito il 16enne con pugni e calci facendolo cadere per terra per poi strappargli il marsupio che portava allacciato in vita con all’interno il telefono cellulare e la somma di circa 120 euro.

3 foto Sfoglia la gallery

Presi prima di un nuovo colpo

Dopo la richiesta d’aiuto da parte della vittima e la conseguente denuncia, i Carabinieri durante dei servizi di controllo nelle aree della città dove più frequentemente si verificano reati di questo tipo erano riusciti a individuare due soggetti compatibili con la descrizione raccolta.

Era scattato il pedinamento, interrotto quando i carabinieri li hanno visti avvicinarsi a un'altra persona con l'obiettivo, probabilmente, di rapinarla. Alla vista delle divise i due ragazzini hanno tentato la fuga ma sono stati prontamente bloccati da alcune pattuglie gravitanti in zona. Condotti negli uffici della Compagnia di Saronno per gli accertamenti del caso, in tasca di uno dei due è stato ritrovato il telefono cellulare della vittima del 26 gennaio.

Dall’acquisizione e analisi delle immagini delle telecamere di videosorveglianza è stato poi possibile ricostruire il percorso seguito dai due rapinatori che dopo aver consumato il delitto si erano allontanati a bordo di un treno in direzione Milano Cadorna. I due avevano anche tentato di eludere le indagini cambiandosi d’abbigliamento nel tentativo di far perdere le proprie tracce.

Rintracciati nella mattinata presso le proprie abitazioni, dopo le formalità di rito sono stati accompagnati in comunità di recupero nella provincia di Varese e Pavia

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter