Emergenza

Personale e pazienti positivi, chiude metà della Medicina di Tradate

La situazione al Galmarini inizia ad essere preoccupante, e dopo i casi positivi manca il personale. Astuti: "Rischio collasso vicino, bloccare il trasferimento di medici e infermieri all'Ospedale in Fiera"

Personale e pazienti positivi, chiude metà della Medicina di Tradate
Tradate, 30 Ottobre 2020 ore 11:35

Personale e pazienti positivi al Covid all’Ospedale di Tradate, Astuti: “Evitare il collasso, non trasferire personale all’Ospedale in Fiera”.

Personale positivo all’Ospedale di Tradate

Venti casi positivi su 32 tra i pazienti del reparto di Medicina Generale, 2 in Pediatria,  11 positivi tra medici, infermieri e operatrici sanitarie, senza contare quelli che sono a casa perché in isolamento per avere avuto  un contatto stretto con un positivo. Questi i numeri dell’emergenza Covid all’ospedale di Tradate, che ha dovuto chiudere metà reparto di Medicina Generale “per – spiega Astuti – mancanza di personale sanitario”.  A lanciare l’allarme è il consigliere regionale del Pd Samuele Astuti  che in proposito  chiede all’Asst  di dire cosa intende fare per garantire l’operatività della struttura in sicurezza.  “Il rischio collasso è vicino e prima di tutto bisogna bloccare il trasferimento all’ospedale della  fiera  di Milano degli operatori sanitari”.

“Situazione sotto osservazione e sotto controllo”

La notizia dei positivi all’Ospedale di Tradate è stata commentata anche durante la conferenza stampa organizzata da Ats Insubria questa mattina, venerdì 30 ottobre:

“Abbiamo osservato un piccolo focolaio nel reparto di Medicina di Tradate – hanno risposto dall’Asst – Stiamo facendo tutti gli accertamenti necessari e ripetendo i tamponi. Abbiamo già attivato tutta la sorveglianza sanitaria del caso e stiamo limitando e contenendo il focolaio. Saranno effettuate tutte le procedure di sanificazione, la situazione è sotto osservazione ma anche sotto controllo”.

TORNA ALLA HOME

Food delivery
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Curiosità
ANCI Lombardia