Cronaca
Tradate

Ordinanza sospesa, il Mama di Tradate può restare aperto anche di notte

Dopo quello sull'ordinanza della Questura, il Tar ha accolto anche il ricorso contro l'ordinanza del sindaco che imponeva la chiusura a mezzanotte fino alla fine di settembre

Ordinanza sospesa, il Mama di Tradate può restare aperto anche di notte
Cronaca Tradate, 12 Marzo 2022 ore 09:29

Ricorso accolto dal TAR e provvedimenti della Questura e del Comune sospesi: il Mama Cafè di Tradate resta aperto, anche di notte.

Ordinanza sospesa dal Tar, niente chiusura

Prima lo stop all'ordinanza della Questura che sospendeva la licenza per 15 giorni, poi quello all'ordinanza del sindaco che avrebbe imposto la chiusura del locale a mezzanotte fino a fine settembre.

Il Tar ha accolto anche il secondo ricorso presentato dal legale della titolare del Mama Cafè. Il Comune infatti il 5 marzo aveva emesso, come riportato venerdì su La Settimana di Saronno, un'ordinanza di chiusura dalle 24 alle 5.30 del bar in Varesina per, spiegava il sindaco Giuseppe Bascialla, "motivi di ordine pubblico" facendo seguito dunque a quanto rilevato dai Carabinieri che, precedentemente, avevano richiesto la sospensione della licenza. Però, come spiega il legale, "L’ordinanza del sindaco, veniva adottata sulla base del predetto provvedimento questorile, peraltro sospeso, nonché per infondate lamentele di schiamazzi e disturbo dell’ordine pubblico non perfettamente circostanziate".

Scattata la seconda ordinanza, quindi, presentato il nuovo ricorso, anch'esso accolto.

"Ritenuto che, salvi ulteriori accertamenti da parte delle Forze dell’ordine circa il verificarsi di rumori, schiamazzi, episodi che possano turbare la quiete ed il riposo notturno o integrare ipotesi di reato - si legge nella decisione del Tar - l’istanza appare meritevole di accoglimento in ragione della chiusura del locale nella fascia oraria 24-5.30, rinviando alla trattazione collegiale della domanda cautelare l’esame dei motivi di difetto di istruttoria e di interesse generale che possono giustificare limitazioni all’apertura degli esercizi commerciali".

 

 

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter