Cronaca
Olgiate Olona

Officina clandestina e auto rubate: trentenne denunciato per ricettazione

Ritrovati all’interno del capannone due mezzi rubati e numerose parti di auto provento di furto, oltre a jammer e strumenti per lo scasso.

Officina clandestina e auto rubate: trentenne denunciato per ricettazione
Cronaca Valle Olona, 07 Marzo 2021 ore 11:20

Officina clandestina e auto rubate: trentenne denunciato per ricettazione. All'interno del capannone trovato anche un jammer.

Officina clandestina a Olgiate Olona

Nell’ambito di una speditiva attività d’indagine avviata a seguito di alcuni furti di autovetture denunciati nei giorni scorsi ai carabinieri della Compagnia di Busto Arsizio, i militari - coordinati dalla locale Procura della Repubblica - sono riusciti a individuare un capannone di Olgiate Olona (VA), all’interno del quale hanno scoperto una vera e propria autorimessa di auto rubate, adibita ad officina clandestina, attrezzata anche con un ponte- sollevatore e tutto il necessario per smontare le auto, rimuovere i localizzatori gps e impedire il riconoscimento dei veicoli con i numeri seriali. Nel capannone i militari hanno rinvenuto un’autovettura rubata a Legnano (MI) il 2 marzo scorso e un furgone rubato a una ditta di Cerro Maggiore (MI) il 22 febbraio.Inoltre sono state ritrovate le targhe (anteriore e posteriore) di un Furgone oggetto di furto denunciato il mese scorso e parti di auto rubate di vari modelli e marche tra cui 19 centraline, 10 chiavi di accensione passepartout e 3 motori.

Trovato anche un jammer

Nel corso della perquisizione i militari hanno trovato anche disturbatori di frequenze ad onda elettromagnetica tipo “jammer” (utilizzati per i furti di autovetture, specialmente quelle di ultima generazione, in quanto inibiscono eventuali dispositivi antifurto nonché il sistema elettrico di apertura e chiusura delle portiere). Ad esito degli accertamenti i carabinieri hanno posto sotto sequestro la refurtiva e denunciato per ricettazione un trentenne di Fagnano Olona (VA), già noto alle forze dell’ordine, il quale aveva preso in affitto il capannone da un ignaro proprietario, al fine di realizzare al suo interno un vero e proprio traffico clandestino di auto di lusso e di pezzi di ricambio rubati, destinati al commercio illegale. Sono tuttora in corso le indagini per risalire all’identità dei proprietari della merce rinvenuta e di ulteriori responsabilità da parte di altre persone, eventualmente coinvolte.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter