Cronaca

Nuova sede della Guardia di Finanza di Saronno: approvato il progetto

Nuova sede della Guardia di Finanza di Saronno: approvato il progetto
Cronaca Saronno, 28 Gennaio 2022 ore 09:11

Accelerazione sulla riconversione dell'ex Pretura di via Varese in nuova sede della Guardia di Finanza di Saronno.

I lavori per la nuova sede della Guardia di Finanza

La Giunta Airoldi ha approvato il mese scorso il progetto esecutivo dell’intervento, che prevede opere di riconversione importanti e gli adeguamenti necessari: si tratta di opere complessive sull’edifico (adeguamento antisismico, prevenzione incendi, lavori edili, impiantistici ed elettrici) ed una sistemazione interna soprattutto del primo piano della struttura, dove troveranno posto nuove camerate con annessi servizi igienici, una sala intercettazione e uffici. Al piano rialzato invece, si provvederà alla creazione di una guardiania, di un ufficio e di una sala d’aspetto.

Nello stesso intervento sono contemplate la riqualificazione della facciata, con l’imbiancatura successiva, la posa di nuovi infissi e la sistemazione dell’area di ingresso al fabbricato.

Airoldi: "Opera importante"

“Si tratta di un’opera molto importante ed è per questo motivo che abbiamo lavorato ad un miglioramento del progetto – commenta il Sindaco Augusto Airoldi – La trasformazione di questo stabile, ormai inutilizzato da anni, in una sede nuova per la nostra Guardia di Finanza ci consentirà di presidiare l’area di via Varese e di dare più adeguata sistemazione alla presenza fissa di una delle forze dell’ordine che già collaborano con noi sul territorio e la cui presenza è resa ancor più strategica per l’imprenditoria sana dell’arrivo delle risorse economiche del PNRR”.

Lavori entro la fine della primavera

La spesa complessiva inserita a bilancio è di circa 370mila euro, a cui si aggiungerà il contributo di circa 56mila euro della Guardia di Finanza, che dovrebbe entrare nella sua nuova sede fra un anno: entro la fine di questa primavera, infatti, i lavori verranno assegnati, così da poter eseguire un primo collaudo nel dicembre 2022.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter