Menu
Cerca
Busto Arsizio

Niente mascherina al supermercato: calci, pugni e testate ai poliziotti

Prima le minacce ai dipendenti che lo invitavano a mettersi la mascherina, poi le botte ai poliziotti che lo avevano raggiunto in un distributore per identificarlo

Niente mascherina al supermercato: calci, pugni e testate ai poliziotti
Cronaca Busto Arsizio, 11 Maggio 2021 ore 12:48

E' stato arrestato per resistenza e lesioni a pubblico ufficiale il 20enne senegalese che ieri ha aggredito i poliziotti intervenuti su chiamata dei dipendenti di un supermercato.

Calci e pugni ai poliziotti: arrestato

Ieri mattina, lunedì 10 maggio, la Volante del Commissariato della Polizia di Stato di Busto Arsizio è intervenuta in viale Boccaccio su richiesta dei dipendenti di un supermercato. Veniva infatti segnalata la presenza di un giovane di origini africane, invitato dalle cassiere a indossare la mascherina, il quale non solo si rifiutava ma rivolgeva loro anche pesanti minacce.

All’arrivo della pattuglia l’uomo, resosi conto che sarebbero arrivate le Forze dell’Ordine, si era appena allontanato dal supermercato nascondendosi in un vicino distributore di carburanti. Appena i due agenti lo hanno individuato avvicinandosi per identificarlo, prima ancora che gli potessero chiedere i documenti sono stati improvvisamente aggrediti con pugni, calci, testate e tentativi di morderli sulle braccia. Contenuto a fatica, il giovane è stato accompagnato in Commissariato dove peraltro ha continuato ad agitarsi in modo inconsulto.

I due operanti, che hanno riportato lesioni con prognosi di sette giorni ciascuno, lo hanno infine arrestato per resistenza e lesioni a pubblico ufficiale. Completati gli accertamenti, l’energumeno è stato identificato come un senegalese di 20 anni con permesso di soggiorno, residente in provincia di Latina ma di fatto senza fissa dimora