busto Arsizio

Minorenni ubriachi in centro, esercizio commerciale sanzionato grazie ai genitori

Un amico 17enne entrava nel negozio e comprava una bottiglia che poi svuotava con gli amici. Nessuno gli chiedeva mai un documento

Minorenni ubriachi in centro, esercizio commerciale sanzionato grazie ai genitori
Cronaca Busto Arsizio, 22 Giugno 2021 ore 14:01

Spesso balzano alla cronaca casi e segnalazioni di minorenni ubriachi, fonte di preoccupazione e disturbo della quiete pubblica. Molto meno spesso invece si scopre come possano essersi ubriacati, ovvero chi contravvenendo alla legge ha venduto loro dell'alcol. A Busto Arsizio la Polizia di Stato è riuscita a individuare un esercizio pubblico e a sanzionarlo dopo alcune segnalazioni da parte dei genitori.

Minorenni ubriachi in centro, i genitori si rivolgono alla Polizia

Sono state proprio mamme e papà a indicare alla Polizia di Stato l'esercizio commerciale "incriminato" che vendeva alcol ai loro figli, minorenni. Ragazzini, come tanti altri coetanei, che vengono spesso visti bere in centro nel pomeriggio o durante la sera, in compagnia, e che qualche volta finiscono anche in ospedale.

Più solitamente invece il gomito alzato un po' troppo si traduce in schiamazzi e comportamenti violenti, anche contro le forze dell'ordine, in preda ai fumi dell'alcol.

Nelle ultime settimane, i genitori non si sono limitati alla "ramanzina" verso i propri figli. Sono andati negli uffici di via Foscolo segnalando  la vendita ripetuta nel tempo di alcolici da parte di un esercizio commerciale cittadino ai loro figli minorenni, senza alcun accertamento sulla loro età. In completo spregio della legge.

Prima sanzione

Gli Agenti non si sono limitate alle parole dei genitori ma uno alla volta hanno convocato anche i ragazzini, che hanno confermato l'acquisto di bottiglie di alcolici da parte di un 17enne del gruppo in quel preciso locale. Nessuno gli chiedeva nulla, e una volta comprata la bottiglia e uscito dal negozio la svuotava insieme agli amici, più giovani, fino a ubriacarsi e stare male.

Al termine delle audizioni, la Polizia ha dunque notificato un verbale di violazione amministrativa ai responsabili dell’esercizio commerciale: per la vendita di bevande alcolica a minori maggiori di 16 anni ma minori di 18 anni dovranno pagare una sanzione pecuniaria pari a 500 euro che potrà aumentare notevolmente, fino alla sospensione dell’attività, se dovessero giungere nuove segnalazioni.