Cronaca
Gallarate

Minacce ed estorsioni al broker di Gallarate: evaso da Torino, arrestato in Spagna

Dall'isola di Gran Canaria aveva, tra le altre cose, fatto recapitare la testa di una capra a casa dei genitori della vittima, dalla quale pretendeva la consegna di mezzo milione di euro

Minacce ed estorsioni al broker di Gallarate: evaso da Torino, arrestato in Spagna
Cronaca Gallarate, 15 Aprile 2022 ore 09:13

Nel pomeriggio dell’11 aprile scorso l’unità FAST (Fugitive Active Search Team) della UDYCO Central della Polizia spagnola, in collaborazione con l’omologa unità italiana del Servizio per la Cooperazione Internazionale di Polizia, sulla base delle informazioni provenienti dalla Squadra Mobile di Varese, ha tratto in arresto nei pressi di Santiago de Compostela il cittadino italiano G. G., di anni 56, destinatario di mandato d’arresto europeo: era sfuggito alla giustizia italiana evadendo lo scorso novembre dagli arresti domiciliari che stava scontando in provincia di Torino.

Dal carcere ai domiciliari, poi la fuga

L’arresto è giunto a conclusione di una complessa attività investigativa condotta dall’unità FAST spagnola, unitamente alla polizia locale e coordinata dal Servizio per la Cooperazione Internazionale di Polizia, grazie alle indagini sviluppate dalla Squadra Mobile di Varese, titolare dell’inchiesta nazionale coordinata dalla Procura di Busto Arsizio.

Infatti, le ricerche del latitante erano state subito avviate dall’ufficio investigativo della Polizia di Stato di Varese dopo che nel novembre scorso G.G. era evaso dagli arresti domiciliari in cui era stato collocato a seguito di sostituzione (solo due giorni prima) della custodia cautelare in carcere eseguita a maggio del 2021, provvedimenti disposti dal GIP di Busto Arsizio in quanto gravemente sospettato di essere l’artefice di gravi episodi estorsivi nei confronti di un faccendiere gallaratese che si era proposto quale promotore finanziario.

La testa di capra a casa dei genitori del broker

Nel dettaglio, l’attività di indagine aveva preso avvio nell’agosto del 2020 a seguito della consegna da parte di ignota persona, con evidente intento intimidatorio, di una testa di ovino a Gallarate presso la residenza degli anziani genitori del “broker” i quali, spaventati dell’accaduto, avevano chiamato il numero unico di emergenza 112, riferendo al personale intervenuto che un analogo episodio era accaduto uno o due mesi prima ma nell’occasione non avevano chiamato le forze dell’ordine.

L’indagine effettuata dalla Squadra Mobile di Varese, coordinata dalla Procura di Busto Arsizio, aveva consentito di scoprire che il vero destinatario degli atti intimidatori era il figlio degli anziani coniugi, resosi irreperibile anche agli investigatori e che, per sottrarsi agli estorsori nel timore di gravi conseguenze, facendo credere di trovarsi nell’est Europa, in realtà si nascondeva in un appartamento di Gallarate impegnato in svariati “affari” per recuperare le somme richieste pari a circa mezzo milione di euro.

L’indagine è stata condotta ricostruendo il passato e gli affari in cui la vittima era coinvolta, mediante servizi di osservazione, analisi dei flussi finanziari e indagini informatiche che hanno portato a individuare G.G. quale mandante degli atti intimidatori commissionati a distanza dall’isola di Gran Canaria (dove G.G. negli anni scorsi viveva) e compiuti materialmente da un pregiudicato torinese, anch’egli arrestato a maggio del 2021.

L’attività investigativa eseguita ha permesso di riscontrare che la parte offesa aveva versato almeno 112mila euro in varie dazioni a seguito delle continue minacce nei confronti della vittima ed almeno quattro gravi atti intimidatori: la consegna di una testa di animale nel giugno 2020, analoga consegna l’8/8/2020, il recapito di un video che riprendeva la casa dei genitori nel settembre 2020 e pochi giorni dopo il pericoloso recapito nottetempo sul balcone di casa di una tanica con 6 litri di benzina, con il rischio che l’accensione potesse causare gravi conseguenze non solo all’immobile.

L’arresto ha posto fine alle condotte illecite di G.G., per il quale sono in corso le procedure di consegna all’Italia.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter