Social

Mahmood insultato dopo l'incendio di casa sua: "Stasera stappo una magnum"

Il cantante, tra gli abitanti del palazzo di Milano bruciato domenica, vittima dei leoni da tastiera. Ma in molti esprimono solidarietà.

Mahmood insultato dopo l'incendio di casa sua: "Stasera stappo una magnum"
Cronaca 30 Agosto 2021 ore 17:29

"Ma allora stappo un magnum, amici! stasera non dormo, bevo, alla tua Mahmood". Questo è solo uno dei commenti   comparsi in Rete dopo la notizia che anche l'appartamento del cantante, vincitore nel 2019 del Festival di Sanremo, è rimasto coinvolto del drammatico incendio che domenica 29 agosto 2021 ha devastato la Torre del Moro, grattacielo di via Antonini a Milano.

Incendio a Milano, insulti a Mahmood

A rivelare che anche l'artista vive nel palazzo andato a fuoco era stato Morgan - che abita in zona - che aveva ripreso l'incendio in alcuni post su Instagram, raccontando quei drammatici momenti. 

Anche Mahmood si trovava, come molti altri inquilini di via Antonini, in casa in quel momento. Era insieme a due amici e fortunatamente è riuscito a mettersi in salvo. E come tutti gli altri ha perso il suo appartamento, i ricordi, le fotografie e tutto quanto c'era all'interno, oltre ad aver vissuto un comprensibile pomeriggio di paura.

Ma evidentemente a qualcuno questo non interessa, anzi...

Leoni da tastiera all'attacco

Qualcuno ha dichiarato addirittura di festeggiare, altri hanno ironizzato (sempre che di ironia si possa parlare quando di mezzo c'è una situazione del genere) sul titolo della canzone che lo ha reso famoso ("Soldi").

Fortunatamente, però, sono stati più i commenti di solidarietà, sia per il cantante sia per le altre famiglie coinvolte nel drammatico pomeriggio milanese.

Tra questi anche quello del sottosegretario all'Interno Carlo Sibilia (Movimento Cinque Stelle)