Sport e saluti

La Robur festeggia la tripla promozione e saluta don Armando

La giornata è stata occasione anche per salutare don Armando Cattaneo che presto lascerà Saronno: "Mancherà a noi e a tanti saronnesi: la sua missione qui è stata eccelsa"

La Robur  festeggia la tripla promozione e saluta don Armando
Cronaca Saronno, 12 Luglio 2021 ore 14:37

Ieri, domenica 11 luglio, prima di quella per la vittoria dell'Italia agli Europei festa al Centro Sportivo di Saronno per la tripla promozione della Robur Ceriano e per il saluto a don Armando.

Tripla promozione per la Robur Ceriano

La squadra di basket maschile in serie B, la femminile dalla C alla B e il maschile di tennis dalla B2 alla B1. Grande festa ieri, domenica, al Centro Sportivo Robur di Saronno per il CTC Ceriano che si prepara a una prossima stagione sportiva di altissimo livello.

Il saluto a don Armando

Ma la giornata è stata occasione per la società e i suoi amici di salutare uno dei suoi primi tifosi: don Armando Cattaneo che dopo 9 anni di collaborazione sarà trasferito in un altro territorio.

"Sappiamo quanto vale la rua collaborazione, la tua guida, il tuo modo di operare e soprattutto la tua voglia di fare - ha ricordato il presidente del CTC Ceriano Severino Rocco e il responsabile organizzativo del Gruppo Sportivo Robur Saronno, Giorgio Nocera - Sei tu che ci hai voluto come collaboratori, il nostro collante tra noi e la Curia, se siamo operativi e gestori dell'area sportiva lo dobbiamo a te che hai sempre creduto in noi e che hai fatto progetti di crescita, soprattutto per far rinascere il centro Ronchi".

3 foto Sfoglia la gallery

Un ringraziamento che è stato anche il momento per rinnovare gli impegni e le promesse: completare il Centro Ronchi nato 9 anni fa.

"Ci mancherai Don e mancherai sicuramente a tantissimi saronnesi perchè la tua missione a Saronno è stata eccelsa - ha concluso  Rocco - Oltre a noi tante comunità ti ringraziano per ciò che hai fatto, non hai tralasciato nulla ti sei sempre prodigato ed hai lasciato il segno nella comunità, hai portato soccorso ai profughi accogliendoli nella tua casa, hai creato un legame con il centro culturale islamico, hai preservato con interventi di restauro tesori artistici e architettonici del Santuario e della chiesa di San Francesco.

In qualsiasi direzione ti sei mosso hai sempre agito per il bene della comunità, sei una persona splendida ed ammirevole, ti auguriamo un prosieguo felice e sereno".