Rischio "sfratto"

La Caserma dei Carabinieri di Azzate va all’asta. La Lega: “Governo intervenga”

Realizzata nel 2004 sarà messa in vendita a un prezzo base di un milione e 115mila euro

La Caserma dei Carabinieri di Azzate va all’asta. La Lega: “Governo intervenga”
Cronaca Varese, 07 Gennaio 2021 ore 14:46

Caserma dei Carabinieri di Azzate all’asta il 21 gennaio insieme a quelle di Concorezzo, Cassina De’ Pecchi, Cusano Milanino e San Giuliano Milanese a seguito del fallimento della società proprietaria. I militari rischiano lo sfratto.

Caserma dei Carabinieri di Azzate all’asta, l’appello dei leghisti

“Chiediamo al governo di intervenire subito a supporto di queste amministrazioni affinché non restino orfane delle rispettive caserme dei Carabinieri”.

Un appello diretto alle istituzioni statali quello lanciato dai deputati della Lega Massimiliano Capitanio, Matteo Luigi Bianchi, Fabio Massimo Boniardi, Fabrizio Cecchetti, Jari Colla, Andrea Crippa, Paolo Grimoldi e Luca Toccalini e che fa seguito a quello deil sindaco di Azzate Gianmario Bernasconi che ha dichiarato l’impegno del Comune a sostenere, in caso di acquisto, tutte le spese di manutenzione ordinaria.

Si tratta di un edificio nuovo da 2250 metri quadrati, realizzato nel 2004 su un terreno messo a disposizione proprio dal Comune. Che dal 21 sarà messo all’asta con un prezzo base di un milione e 115mila euro.

” I Comuni interessati si stanno prodigando per cercare una soluzione concreta e ragionevole, anche attraverso un confronto diretto tra i sindaci e prefetture – fanno sapere i deputati del Carroccio –  Il Comune di Concorezzo, ad esempio, sta valutando l’accensione di un mutuo tramite Cassa Depositi e Prestiti, ma i revisori dei conti, per dare il via-libera all’operazione, richiedono un impegno formale al Viminale sulla volontà effettiva di onorare poi un contratto d’affitto di durata almeno decennale. Per questa ragione abbiamo presentato un’interrogazione al ministro dell’Interno sollecitando il governo a farsi carico di questa situazione. Parliamo di presìdi di legalità indispensabili per il territorio e per la sicurezza dei cittadini, a maggior ragione in questa fase così difficile per tutto il Paese legata all’emergenza Covid”.

TORNA ALLA HOME

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Curiosità