Menu
Cerca
Tradate

Inaugurata la stanza degli abbracci alla RSA Pineta di Tradate

Addio chiamate attraverso il vetro: ora gli ospiti e i famigliari si potranno finalmente abbracciare, protetti da un velo in plastica

Inaugurata la stanza degli abbracci alla RSA Pineta di Tradate
Cronaca Tradate, 12 Aprile 2021 ore 13:54

E’ stata inaugurata oggi, lunedì 12 aprile, la stanza degli abbracci all’RSA Pineta di Tradate.

Stanza degli abbracci anche alla RSA Pineta di Tradate

Dallo scorso autunno avevano iniziato a fare capolino in diverse strutture residenziali dedicate ai più fragili, unica via per rompere il muro che si era dovuto innalzare tra gli ospiti e il “mondo esterno” per evitare una nuova ondata Covid all’interno delle Rsa. Sono le stanze dell’abbraccio, degli spazi in cui gli anziani ricoverati possono incontrare i propri famigliari. Vicini, anche se separati da un telo in plastica che fa da barriera al virus.

Presenti all’inaugurazione i responsabili della struttura, i benefattori del Rotary e del Rotaract e il sindaco Giuseppe Bascialla insieme al Vicesindaco Franco Accordino.

3 foto Sfoglia la gallery

Dal “vedersi” al “toccarsi” (quasi)

La struttura, realizzata grazie al prezioso contributo del Rotary e del Rotaract, è stata realizzata all’interno degli spazi della RSA Pineta così da evitare agli anziani ospiti di uscire. Una novità importante, spiegano dalla struttura, che avvicina ancora di più gli anziani coi loro affetti che fino ad ora (almeno, fino alla precedente zona rossa) erano costretti a vedersi solo attraverso un vetro e col telefono.

“E’ un passo in più verso una sorta di normalità, sia per i parenti sia per i nostri ospiti – raccontano i responsabili della struttura – E’ stato un anno molto difficile, da marzo a giugno scorsi quando non c’era neanche la possibilità di vedersi tramite vetro è stata molto dura e difficile e gli ospiti ne hanno risentito molto per la mancanza di affetto dai loro famigliari. L’estate scorsa quando siamo riusciti ad aprire il giardino e poi l’inverno con la vetrata è andata meglio ma quest’ultimo mese è stata molto dura. Questa è una valida idea. Potersi riabbracciare, anche se con della plastica, è davvero molto emozionante”.