Como

Il Presidente del Consiglio Fermi: “A noi il compito di continuare la tua missione”

"Mai Don Roberto avrebbe voluto che la sua morte potesse essere occasione di strumentalizzazioni politiche"

Il Presidente del Consiglio Fermi: “A noi il compito di continuare la tua missione”
Comasca, 15 Settembre 2020 ore 18:37

Il Presidente del Consiglio Regionale Alessandro Fermi si unisce al cordoglio per la scomparsa di don Roberto, il parroco di Como ucciso questa mattina nella piazza della sua parrocchia da un senzatetto con problemi psichici.

“Grazie don Roberto, so che continuerai a sorridere”

Ti chiamavano il prete degli ultimi perché agli ultimi hai dedicato la vita. Per vestirli, sfamarli, ascoltarli. Spesso rinunciavi al tuo stesso cibo per donarlo a loro. Non ci sono parole adeguate di fronte alla tragedia improvvisa di quella che resterà una morte senza giustificazione. Ti ringraziamo per ciò che sei riuscito a fare, e anche per tutto ciò che avresti voluto portare a termine, ma che ti è stato impedito. Grazie Don Roberto, so che continuerai a sorridere, sempre, anche da lassù. A noi, alle tante persone che ti hanno voluto bene e ti sono state vicine nella tua quotidianità e nella tua missione pastorale, il compito di continuare a testimoniare concretamente l’insegnamento di amore e altruismo che ci lasci in eredità”.

Lo sottolinea il Presidente del Consiglio regionale della Lombardia Alessandro Fermi a nome anche dell’intera istituzione regionale, commentando così l’omicidio di don Roberto Malgesini questa mattina a Como, e invitando tutti in questo momento a dare spazio solo alla preghiera e al ricordo.

“Non è il momento delle polemiche”

“Mai Don Roberto avrebbe voluto che la sua morte potesse essere occasione di strumentalizzazioni politiche su problemi che da tempo sono noti a tutti e rimasti tuttora irrisolti, riconducibili alla sfera dell’immigrazione, della psichiatria, della marginalizzazione, dell’accoglienza, della fragilità sociale e dei senzatetto, problemi che negli ultimi mesi hanno purtroppo sensibilmente interessato da vicino in modo significativo la comunità sociale comasca. Non è il momento delle polemiche, la morte di don Roberto può e deve essere occasione per ricercare con ancora maggiore impegno e tempestività risposte condivise e soluzioni praticabili”.

Il rettore dell’Insubria: “Non si metta in discussione il valore dell’accoglienza”

Sulla tragedia si è espresso anche il rettore dell’Università dell’Insubria Angelo Tagliabue:

“Sono profondamente colpito dalla tragedia che si è consumata questa mattina a Como. Quello che è accaduto non deve far mettere in discussione il valore dell’accoglienza che ha reso don Roberto Malgesini il prete degli ultimi, dei senzatetto, dei migranti, dei bisognosi. Comunque la si pensi, l’accoglienza e la solidarietà sono concetti con cui ciascuno di noi deve confrontarsi. Ed è quello che invitiamo i nostri studenti a fare, oggi più che mai, esercitando con autonomia e partecipazione il loro senso critico di fronte all’attualità”.

TORNA ALLA HOME

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia