Cronaca
Valle Olona

Il «miracolo di Natale» di Elena

Nel ricordo di Elena Mendicino un mare di donazioni per la ricerca sul tumore al seno. Lo racconta Gianluca Colombo dalla sua pasticceria di via Sant’Antonino, messa a disposizione tra i punti di raccolta in paese

Il «miracolo di Natale» di Elena
Cronaca Valle Olona, 01 Gennaio 2022 ore 15:30

Un mare di generosità. E’ il miracolo di Natale che in questi giorni sta portando un paese intero – e molti anche da fuori – a donare risorse per la ricerca sul tumore al seno, nel nome di Elena Mendicino, che da anni ha portato avanti con tenacia e immutato entusiasmo la battaglia, sua personale e a favore della scienza, contro la malattia.

E' nato il "Dolce Elena", per aiutare la ricerca

Dopo la sua morte, che ha sconvolto e commosso Solbiate e i tanti che la conoscevano e ammiravano, ecco l’iniziativa, nata quasi spontanea, di avviare una raccolta fondi, in diversi modi e luoghi, da devolvere all’Istituto clinico Humanitas, come a voler proseguire e rilanciare gli sforzi profusi fino all’ultimo dalla donna, amica e compagna di viaggio di molti. Offerte e donazioni che fin da subito sono arrivate in abbondanza e che ancora non si fermano.

 

Lo racconta Gianluca Colombo

 

Lo racconta Gianluca Colombo dalla sua pasticceria di via Sant’Antonino, messa a disposizione tra i punti di raccolta in paese: «Siamo cresciuti insieme e siamo stati grandi amici fin da bambini, e insieme abbiamo vissuto anche la sua malattia, nonostante la quale ha sempre cercato di aiutare il prossimo, come ha sempre fatto. Questa immensa mobilitazione che si è creata, con tanta generosità e volontà di donare che si sta manifestando in questi giorni è il modo più bello per ricordarla e sentirla ancora viva con noi. Tutto il paese si è dato da fare per portare avanti la sua iniziativa, è qualcosa di incredibile». E lo stesso pasticcere ha deciso di lanciare il «Dolce Elena», trasformando l’idea iniziale di un prodotto tipico solbiatese natalizio in un dolce che ricordasse l’amica, con la quale era stato ideato: «Era già pronto per essere proposto come il dolce di Solbiate, ne avevo parlato anche con lei. Quando però è venuta a mancare, ho cambiato idea e ho capito che andava dedicato a lei, perché con il suo sorriso del paese era il simbolo».

Il 10 per cento sarà devoluto alla ricerca

E così ecco il «Dolce Elena», con il volto di Mendicino a ricordarla anche a livello visivo sull’etichetta e la scelta di Colombo di devolvere il 10% del ricavato dalla vendita del prodotto alla ricerca sui tumori al seno, aggiungendo un ulteriore contributo alla raccolta fondi pro Humanitas.