Venegono Superiore

Il barista trova un astuccio con 670 euro e due buoni postali, subito consegnati alla Polizia

Soldi e buoni erano un regalo di due nonni a un nipotino. Chiariello non ha avuto dubbi su cosa fare

Il barista trova un astuccio con 670 euro e due buoni postali, subito consegnati alla Polizia
Tradate, 19 Settembre 2020 ore 09:00

E’ successo a Venegono Superiore lunedì mattina. Il “buon samaritano” è il barista Davide Chiariello, titolare del Lune Cafè.

Astuccio con 670 euro trovato e restituito

Quando capita di trovare un portafoglio per terra ci si trova sempre a un bivio: tenere i soldi o restituirli al proprietario? La cosa giusta da fare si sa, è la prima. Ma quando la cifra trovata sale, trovare chi fa la cosa giusta diventa spesso l’eccezione. Un dilemma però che lunedì non ha minimamente impensierito Davide Chiariello, titolare del Lune Cafè di Venegono Superiore, in Pianasca, che poco distante dal locale ha trovato per terra un astuccio anonimo, scambiato inizialmente per un rifiuto abbandonato. Dentro però c’erano custoditi 670 euro e due buoni postali.

“Non ci avrei dormito”

Chiariello vista la cifra non è rimasto molto a pensarci: visto un agente della Polizia locale gli ha subito consegnato l’astuccio spiegandogli di averlo trovato a terra. “Non è certo una cifra che cambia la vita, e i soldi erano dentro una busta con scritto ‘dai tuoi nonni’, o qualcosa di simile. Conoscendomi, se me li fossi tenuti non ci avrei dormito la notte”.

Regalo per il nipotino riconsegnato

Affidato al comando della Polizia locale, gli agenti guidati dal comandante Mariangela Cassese hanno rapidamente individuato il proprietario grazie ai dati riportati dai buoni postali. Contattata, a ritirare il prezioso dono si è presentata una nonna, sollevata per la notizia e, certamente, grata per l’onestà di Chiariello.

L’articolo completo su La Settimana di Saronno in edicola dal 18 settembre 2020.

TORNA ALLA HOME

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia