Venegono Superiore

I ladri adesso rubano anche le mascherine

E' accaduto in via Leopardi dove ignoti hanno infanto il finestrino di un'auto per rubare un pacco di dip

I ladri adesso rubano anche le mascherine
Tradate, 11 Ottobre 2020 ore 18:41

 

Col nuovo decreto legge del 7 ottobre che impone di indossare la mascherina anche all’aperto, le mascherine stanno tornando ad essere molto richieste. Anche i ladri spostano il loro oggetto del desiderio e vanno a caccia di mascherine. Come è accaduto in via Leopardi a Venegono Superiore: hanno forzato un’auto in sosta per sottrarre un pacco di dispositivi di protezione individuale.

Le mascherine vanno letteralmente a ruba

Con l’impennata dei casi di Covid e l’uscita del nuovo Dpc che obbliga l’uso di dip anche all’aperto, si è riaperta la caccia smodata alle mascherine chirurgiche. Sono ancora freschi i ricordi del lockdown dove i dispositivi di protezione personale erano ricercatissimi e a volte introvabili in farmacia, così come guanti e gel disinfettanti. Per non rischiare di ritrovarsi in quelle condizioni i più previdenti hanno cominciato a fare scorta anche non in modo del tutto legale. Come ha fatto l’ignoto malvivente che ha agito nella mattinata del 3 ottobre in via Leopardi a Venegono Superiore.

 I ladri rubano un pacco di mascherine da un’auto in sosta

Il ladro aveva notato su un’auto in sosta un pacco di mascherine e in assenza della proprietaria ha infranto il finestrino e lo ha sottratto. Facile immaginare la reazione  della proprietaria che tornata a riprendere la vettura ha scoperto il danno e l’insolito furto, poi denunciato ai carabinieri. Proprio insolito, perché prima dell’avvento dell’epidemia i ladri privilegiavano oro e preziosi e se arrivavano al punto di forzare una portiera di una vettura era per rubare una borsa, piuttosto che le monetine nel cruscotto o al massimo un navigatore non certo per sottrarre mascherine,  un oggetto oggi costoso, e molto ricercato.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia