Cronaca
Passione motori

Gli appassionati hanno ora una casa: inaugurato il Vespa Club di Caronno Pertusella

Taglio del nastro alla presenza di una sessantina di soci, nel ricordo del "decano" Felice Buggio, scomparso qualche anno fa

Gli appassionati hanno ora una casa: inaugurato il Vespa Club di Caronno Pertusella
Cronaca Saronno, 13 Settembre 2021 ore 16:15

Domenica 12 settembre è stata speciale per il Vespa Club di Caronno Pertusella che ha finalmente inaugurato la sua sede, intitolata al socio Felice Buggio.

Domenica di festa per il Vespa Club di Caronno Pertusella

È iniziato tutto dalle 9 con il ritrovo di una trentina di soci alla pasticceria "San Francesco" per una sgambata al castello di Carimate dove ha fatto cornice anche un ritrovo di Fiat 500 d'epoca. Tempo di una pausa e un giretto per ammirare le quattroruote che hanno segnato un'epoca, ci si è rimessi in sella per essere alle 1130 di nuovo a Caronno, ma questa volta alla in via Ludovico Ariosto 86 dove un'aula dell'ex scuola "Dante Alighieri" è stata assegnata dall'amministrazione comunale a sede del Vespa Club.

IMG-20210912-WA0005
Foto 1 di 11
IMG-20210912-WA0049
Foto 2 di 11
IMG-20210912-WA0027
Foto 3 di 11
IMG-20210912-WA0006
Foto 4 di 11
IMG-20210912-WA0024
Foto 5 di 11
PXL_20210912_094014485
Foto 6 di 11
PXL_20210912_095558368
Foto 7 di 11
PXL_20210912_094104919
Foto 8 di 11
PXL_20210912_095539372
Foto 9 di 11
PXL_20210912_095650420
Foto 10 di 11
PXL_20210912_095703788
Foto 11 di 11

È così che circa sessanta soci del club hanno partecipato, nel pieno rispetto delle disposizioni di contrasto al Covid, alla inaugurazione della sede ed all'intitolazione a "Felice Buggio", un socio -decano del club- scomparso qualche anno fa, con la collocazione di una fotografia realizzata da Argeo Assogli che ha raccolto la fascia del decano.

A turni di quindici persone, i soci hanno così potuto "esplorare" la nuova sede impreziosita dai trofei, dalle fasce di vari Vespa Club, dalla collezione di riviste "Officina del vespista" donata dal socio Simone Taccarella e dalla riproduzione del logo del club realizzata dal nostro "nonno vagabondo" Enrico Morandi.

Dopo un brindisi augurale, con la speranza di poter usare appieno la sede perché il Covid sarà solo un ricordo come l'impegno anche del club nella distribuzione di mascherine a Caronno proprio nei momenti di maggiore crisi, la mattinata si è conclusa con "una suonata di clacson a tutti!".

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter