Menu
Cerca
Verso il giallo?

Fontana: “Buone probabilità di zona gialla ma impossibile aprire il 100% delle scuole col 50% dei trasporti”

Trasporti e scuola, per il presidente "equazione impossibile", si torna a parlare di ingressi scaglionati. E sui vaccini: "Se avremo le dosi sufficienti potremo dare la prima dose a tutti entro metà luglio"

Fontana: “Buone probabilità di zona gialla ma impossibile aprire il 100% delle scuole col 50% dei trasporti”
Cronaca Varese, 20 Aprile 2021 ore 09:51

Intervistato questa mattina, martedì 20 aprile, da SkyTg24 il Presidente della Lombardia Attilio Fontana è intervenuto sul tema delle riaperture, della scuola, delle vaccinazioni e del possibile cambio di colore dalla prossima settimana: “Buone probabilità di zona gialla”.

Fontana: “Buone probabilità di zona gialla”

Tutto dipenderà dalla decisione della cabina di regia di venerdì. Ma secondo Attilio Fontana, la Lombardia potrebbe essere tra le Regioni che lunedì si sveglieranno in zona gialla e potranno beneficiare delle prime riaperture anticipate dal Presidente del Consiglio Mario Draghi: sport all’aperto, bar e ristoranti all’aperto, cinema e teatri a capienza ridotta e scuole, al 100% in presenza.

“I numeri stanno gradualmente migliorando – ha dichiarato – Sicuramente, se le cose dovessero continuare a migliorare come in questi giorni, ci sono buone possibilità che si ritorni gialli”.

Il problema delle scuole, come a settembre

Come a settembre però le scuole riaprirebbero senza che vi siano stati potenziamenti sul trasporto pubblico, col rischio che proprio il tragitto verso le aule si trasformi in una situazione ad alto rischio contagio. Mentre la didattica in presenza con la zona gialla dovrebbe riprendere al 100%, i mezzi pubblici potranno accogliere solo il 50% dei passeggeri. E quasi 8 mesi dopo la riapertura a settembre e quasi 5 da quella di gennaio il problema è sempre lo stesso. E anche la possibile soluzione in discussione:

“I tavoli con Prefetture sono sempre aperti, ma dobbiamo risolvere il problema dell’equazione insostenibile che vede le scuole al 100% e la copertura dei treni al 50%. Questo è un problema che abbiamo già evidenziato al governo. Nell’incontro previsto nel pomeriggio sentiremo le riflessioni del governo. Ci sono in campo una serie di soluzioni, una delle quali sarebbe quella di dilazionare l’ingresso degli studenti nelle scuole”.

Vaccini, prima dose per tutti entro luglio

Altro tema quello delle vaccinazioni. Ieri la Lombardia ha toccato il suo massimo finora, 58mila somministrazioni ancora lontane dal target delle 65mila preventivate ma comunque in aumento.

“Da ieri è aumentato il numero dei vaccini, in parte garantiti e in parte arrivati – ha evidenziato il presidente – Questa settimana abbiamo intenzione di salire a 65-70mila dosi e poi aumentare ancora la prossima settimana. Nel momento in cui avremo una garanzia di numero dosi sufficienti, potremo completare la vaccinazione di tutti i cittadini con la prima dose entro la fine di giugno e i primi 15 giorni di luglio. Abbiamo una possibilità di vaccinare molto alta ma temo che dovremmo ridurre le potenzialità per il numero di vaccini che non è compatibile con la disponibilità di dosi”.