Tradate

Fondi dalla Regione, si prepara la nuova piazza di Abbiate (e non solo

Lavori in vista grazie alle risorse del "Piano Marshall" messo a punto da Regione Lombardia

Fondi dalla Regione, si prepara la nuova piazza di Abbiate (e non solo
Tradate, 22 Maggio 2020 ore 10:36

Coi 500mila euro del “Piano Marshall” di Regione Lombardia per far ripartire i cantieri dopo l’emergenza Covid, il Comune di Tradate ha pensato a una serie di interventi e, tra questi, l’atteso rifacimento della piazza di Abbiate.

Piazza di Abbiate, illuminazione, ciclopedonali coi fondi regionali

Tre ambiti d’intervento per un totale di 500mila euro di lavori, da mettere in cantiere prima della fine di ottobre. Tradate si prepara con una serie di progetti ad utilizzare il mezzo milione assegnato col “Piano Marshall” di Regione Lombardia: 190mila euro saranno destinati al rifacimento del tetto del plesso storico della scuola elementare di via Dante, 100mila per l’illuminazione del tratto di Varesina tra la rotonda dell’aereo e quella di piazza mercato (sia sulla strada sia sulla ciclabile), del tratto di via Rossini dal poligono di tiro alla rotonda verso Torba e per quella di via Alfieri. La restante parte saranno invece impegnati per il completamento della ciclopedonale di via Rossini alle Ceppine e per il rifacimento della piazza Unità d’Italia di Abbiate Guazzone, intervento questo chiesto a più riprese dagli abbiatesi e anche dall’opposizione, in particolare dal Pd Mauro Prestinoni.

Quale futuro per la piazza di Abbiate?

Se ne è parlato a più riprese, da anni: come mettere mano alla piazza Unità d’Italia di Abbiate? Il piazzale attuale è in condizioni critiche causate oltre che dal tempo dall’utilizzo come parcheggio. E il rifacimento dovrà tener conto del futuro che si vorrà dare a quello spazio. Col piano di lottizzazione Mayer  scaduto e quel terreno fermo in tribunale per fallimento della proprietà, il progetto di spostare il campo da calcio dell’oratorio per trasformare l’esistente in un parcheggio sembra sfumare, e comunque non realizzabile in tempi brevi.

Morbi: “Nessuna colata d’asfalto”

Difficile rinunciare oggi a quei posti auto. Quindi il Comune sembra propenso a una “soluzione intermedia” come spiega l’assessore ai Lavori Pubblici Alessandro Morbi:

“Presto avvieremo la fase di progettazione della piazza. Non avendo soluzioni alternative per il trasferimento di quei parcheggi ne cercheremo una che sia in grado di coniugare la volontà di avere una bella piazza e la capacità di reggere al passaggio delle auto. La nostra intenzione è di sostituire l’attuale pavimentazione con una nuova in cubetti di pietra resinato, come fatto in via Santo Stefano. Questi saranno in grado di reggere per molto tempo, sperando di veder presto qualche sviluppo sull’area Mayer”.

TORNA ALLA HOME

Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
ANCI Lombardia