Menu
Cerca
Aeroporto

Fermato a Malpensa un carico con quasi 6kg di “Shaboo”

La donna, fermata nell'area arrivi, ha subito manifestato un forte nervosismo: nella valigia aveva cinque panetti di metanfetamina

Fermato a Malpensa un carico con quasi 6kg di “Shaboo”
Cronaca Gallarate, 20 Aprile 2021 ore 14:53

Ancora droga in ingresso in Italia dall’aeroporto di Malpensa: l’ultima partita bloccata dai funzionari dell’Agenzia Dogane e Monopoli e dai militari del Gruppo Malpensa della Guardia di Finanza consiste in quasi 6kg di cristalli di metanfetamina, in gergo “Ice” o “Shaboo”.

Sei chili di “Shaboo” bloccati a Malpensa

L’ingente quantitativo di droga è stato trovato all’interno del bagaglio di una passeggera di origine nigeriana in arrivo da Cotonou (Benin), via Addis Abeba (Etiopia). La donna aveva iniziato a mostrare un evidente nervosismo appena è stata fermata per un controllo. L’esame della merce nel suo bagaglio, effettuato grazie al radiogeno presente nell’area arrivi dell’aeroporto di Malpensa, ha permesso di trovare 5 panetti  ricoperti da un involucro plastificato e da terriccio.

L’ispezione della merce, svolta grazie all’ausilio di narcotest specifici, confermava i sospetti che si trattasse di una sostanza illegale, avendo reagito la medesima positivamente al “Crystal Meth”, sostanza bianca e simile a piccoli cristalli di ghiaccio, denominata nel gergo “Ice” o “Shaboo”: uno stupefacente sintetico che produce forte assuefazione e viene consumato in svariati modi.

La passeggera, quindi, è stata arrestata e, a disposizione della locale Procura, dovrà rispondere del reato previsto e punito dall’art.73 comma 1 del DPR 309/90 (Testo Unico delle leggi in materia di stupefacenti e sostanze psicotrope). La descritta operazione evidenzia la costante attività di controllo e la sinergia operativa tra Guardia di Finanza e Agenzia Dogane e Monopoli nell’ambito delle funzioni stabilmente affidate alle Istituzioni quale organi di polizia giudiziaria a competenza generale, che contrasta in ogni modo l’introduzione nel territorio delle Stato di ingenti quantitativi di droga.