Tradate

Finto vigile e tecnico dell'acqua ancora al "lavoro" a Tradate: l'anziana grida e li fa scappare

Il colpo in via Kennedy è andato in fumo. Il vicesindaco Franco Accordino allerta i cittadini e li invita alla prudenza

Finto vigile e tecnico dell'acqua ancora al "lavoro" a Tradate: l'anziana grida e li fa scappare
Cronaca Tradate, 26 Giugno 2021 ore 11:13

Dopo il colpo a Carbonate e altri tentativi in città, mercoledì mattina i due truffatori sotto le mentite spoglie di vigile e tecnico hanno tentato di derubare un'anziana, ma lei si è insospettita, si è messa a gridare chiedendo aiuto al vicino di casa e li ha fatti scappare.

I finiti vigile e tecnico dell'acqua tentano il raggiro in via Kennedy

La coppia di truffatori, lui nei panni di tecnico dell’acqua, l’altro di vigile, colpisce ancora, ma questa volta l’anziana vittima si insospettisce, si mette a gridare chiedendo aiuto al vicino e sventa la truffa. E’ accaduto mercoledì mattina in via Kennedy. Due giovani uno con una divisa da operaio, l’altro da vigile hanno suonato al campanello di casa di un’anziana e con uno dei copione già collaudati hanno cercato di ottenere la sua fiducia. «C’è una perdita di gas nell’acqua» e la donna alla vista dell’alta uniforme non ha inizialmente dubitato e ha aperto la porta di casa. Qui per rendere più credibile la messinscena gli intrusi hanno rovistato, aperto i rubinetti smontando anche parte dell’impianto elettrico.

La vittima si insospettisce, si mette a gridare e sventa la truffa

L’anziana però ha cominciato a nutrite dei sospetti e allarmatasi è corsa in strada gridando e chiedendo aiuto al vicino.
A quel punto i truffatori, per paura di essere acciuffati, si sono dileguati scappando in auto prima dell’intervento del residente di via Kennedy.

 Interviene la Polizia locale

Immediata la segnalazione al Comando di Polizia locale che ha inviato sul posto una pattuglia. I due malintenzionati erano già riusciti a far perdere le tracce e a nulla sono valsi i controlli ingaggiati in zona. Gli uomini coordinati dal vicecomandante Lorenzo Borroni hanno raccolto la testimonianza della donna che con coraggio ha saputo difendere i suoi averi allontanando i truffatori.

Un caso simile a Carbonate

Non è il primo caso. Venerdì scorso probabilmente gli stessi malviventi erano stati avvistati alle spalle dell'ospedale e una settimana fa avevano tentato di derubare un'anziana abitante in via Fratelli Bandiera. Anche in quel caso l'intervento dei vicini è stato provvidenziale e ha impedito ai criminali di mettere a segno il piano.  Non è andata bene invece ad una coppia di ultra 80enni di Carbonate che oltre ad esser stati derubati di alcuni oggetti in oro hanno dovuto ricorrere alle cure ospedaliere per aver inalato una sostanza urticante.

 

L'appello del vicesindaco: "State attenti"

A segnalare sui social la presenza dei truffatori  è stato il vicesindaco Franco Accordino, con lo scopo di mettere in guardia la popolazione, ma soprattutto gli anziani, spesso bersaglio preferito, invitandoli a non aprire agli sconosciuti e ad allertare la Polizia locale e le forze dell'ordine.

 

"E' stato segnalato nella nostra zona un nuovo personaggio-truffatore travestito da vigile con una divisa simile, ma non uguale e cerca di entrare nelle case a scopo di furto.  Gli agenti della Polizia Locale hanno sulla divisa scritto ben chiaro che fanno parte della Polizia Locale .
Il pagliaccio-travestito no: dunque non bisogna far entrare in casa nessuno che non abbia la divisa regolamentare con la scritta Polizia Locale ben evidente".