Menu
Cerca
Saronno

Completata la messa in sicurezza degli spogliatoi di via Da Vinci

L'Amministrazione Airoldi punta alla Rigenerazione Urbana di tutto il quartiere Matteotti

Completata la messa in sicurezza degli spogliatoi di via Da Vinci
Cronaca Saronno, 27 Aprile 2021 ore 13:51

Sono terminati nei giorni scorsi i lavori di messa in sicurezza degli spogliatoi del campo da basket di via Da Vinci, una struttura fortemente compromessa e danneggiata all’interno di un quartiere che l’Amministrazione saronnese intende rilanciare.

Via Da Vinci, spogliatoi in sicurezza

Si tratta di un primo intervento che rientra in un quadro più ampio di azioni a cui sta lavorando da mesi un gruppo operativo nato all’interno della coalizione di maggioranza. “Abbiamo constatato un totale abbandono del prefabbricato che avrebbe dovuto funzionare come spogliatoio, ma che invece è stato completamente dimenticato negli anni, al punto da risultare del tutto inutilizzabile e pericoloso – spiega così il consigliere comunale Lorenzo Puzziferri, che guida il comitato promotore di iniziative estive pensate per il quartiere – Per questo motivo, nella scorsa settimana sono stati eseguiti dei lavori di pulizia e messa in sicurezza da parte dell’Amministrazione: ora la struttura è stata sigillata, in modo da evitare bivacchi notturni ed episodi di microcriminalità, in attesa di capire cosa farne”.

Via alla Rigenerazione Urbana

La “rigenerazione urbana” del quartiere è un obiettivo strategico per la Giunta Airoldi. “Abbiamo ben presente la situazione del Matteotti perché molti sono stati gli incontri pubblici in campagna elettorale che hanno coinvolto i residenti, ma anche perché come Amministrazione l’attenzione sul quartiere è alta – commenta l’assessore alla Rigenerazione Urbana, Alessandro Merlotti – Il campo di via Da Vinci è un luogo simbolo del degrado lasciato da anni d’incuria e trascuratezza, non solo verso le strutture ma in primis verso chi questo quartiere lo vive. Credo che la rigenerazione di Saronno debba partire da situazioni come queste, cercando di coinvolgere tutte le realtà che possono aiutare a rendere la nostra città più vivibile, attrezzata e sicura”.