Cronaca
Novitaà

Cestini intelligenti per i comuni di Coinger

Un sensore permette di capire quando un cestino è pieno e di monitorare lo stato comodamente dagli uffici

Cestini intelligenti per i comuni di Coinger
Cronaca Tradate, 07 Gennaio 2022 ore 12:30

In arrivo cestini intelligenti per i comuni di Coinger.

Cestini intelligenti in arrivo

Guardano con interesse Castiglione Olona, Vedano Olona e Venegono inferiore che, in attesa della tariffa puntuale di bacino, ai dati che ha presentato la società Optimon. Quest’ultima ha monitorato per Coinger dal 2017 tutti i raccoglitori dei medicinali presenti sul territorio dell’ex consorzio. Un sensore permette di capire quando un cestino è pieno e di monitorare lo stato comodamente dagli uffici.

Quali i vantaggi

Ha spiegato i vantaggi che questa soluzione potrebbe fornire abbinata al progetto tariffa puntuale di bacino il direttore generale Coinger Paride Magnoni: «Il nuovo bando vedrà una valutazione sull’applicazione di questa tecnologia ai cestini presenti sui territori dei nostri soci. Ma proseguiamo nella nostra azione volta a sensibilizzare la cittadinanza su una raccolta che veda l’utilizzo dei cestini solo quando strettamente necessario».

Presto il passaggio

Nella conferenza tenutasi a Solbiate Arno è stato spiegato che il limite ultimo per l’arrivo della tecnologia nei comuni è l’inizio del 2023. In arrivo nuovi contenitori, verranno sostituiti con esemplari nuovi tutti quelli ora presenti, più capienti, e alla portata di tutta l’utenza che potrà segnalare comodamente grazie ad una app eventuali problemi. Per il monitoraggio effettuato sono stati georeferenziati tutti i contenitori fissi dislocati sui 128 kmq di area gestita da Coinger ed è partita la raccolta dei dati che confluiscono su una piattaforma dedicata, sviluppata ex- novo. Come hanno spiegato i vertici dell’ex consorzio si va verso un futuro basato sui numeri e l’addio al cartaceo con cui gli addetti monitorano ad oggi i cestini. Conclude Magnoni: «Dopo aver lavorato sulla quantità, con i dati della raccolta differenziata che premiano il nostro operato, ora è il momento di operare su un maggiore e migliore trasferimento delle informazioni: parliamo di dati reali e accessibili a tutti. Per fare un esempio pratico il futuro vedrà ogni cestino indicato con il proprio codice di riferimento mentre ora facciamo riferimento alla via di ubicazione ma non è facile in aree che ne prevedono più d’uno».

Seguici sui nostri canali