Cronaca

Caduto in mare dal traghetto, lo studente ora è a casa

Tragedia sfiorata per un 19enne dell'istituto Barbara Melzi di Legnano durante una gita scolastica in Sicilia.

Caduto in mare dal traghetto, lo studente ora è a casa
Cronaca 18 Maggio 2018 ore 09:58

Caduto in mare dal traghetto e salvato dalla Capitaneria di porto, è stato dimesso dall’ospedale e ora è a casa.

Caduto in mare dal traghetto a Messina

Cade in acqua dal traghetto mentre è in gita scolastica. Se l’è vista brutta il 19enne legnanese che martedì 15 maggio è volato nelle acque dello Stretto di Messina ed è stato ripescato dalla Capitaneria di porto in ipotermia. Il giovane, che frequenta la quinta all’istituto canossiano Barbara Melzi di Legnano, per ragioni ancora da chiarire, è caduto dal traghetto che lo stava trasportando in Sicilia con una cinquantina di altri studenti legnanesi. E’ finito in mare da un’altezza di almeno dieci metri, e la sua fortuna è stata che uno dei passeggeri del traghetto lo abbia avvistato e abbia dato prontamente l’allarme.

Dimesso dall’ospedale, è tornato a casa

Il giovane, come racconta Settegiorni Legnano-Altomilanese in edicola da venerdì 18 maggio, è stato ricoverato per due giorni all’ospedale di Messina. Giovedì 17 è stato dimesso e, insieme al papà che lo aveva raggiunto in Sicilia appena informato dell’accaduto, ha intrapreso il viaggio di ritorno verso Legnano, dove lo attendeva la madre. Sotto shock al punto da riuscire a dirci solo poche parole.

Gite scolastiche pericolose?

L’episodio riaccende i riflettori sul tema della pericolosità delle gite scolastiche, già balzato agli onori della cronaca ai primi di maggio quando u una 17enne di Corbetta che si trovava con la sua scuola in viaggio di istruzione a Napoli, dopo aver fumato uno spinello, aveva perso l’equilibrio ed era caduta dalla finestra del primo piano, rompendosi il bacino. «In questi casi fanno in fretta a girare le voci più disparate – commenta il preside dell’istituto Barbara Melzi Flavio Merlo -. Purtroppo fa più rumore un albero che cade di una foresta che cresce».