Menu
Cerca
Sociale

“Borghi per l’abitare”: a Varese l’housing sociale per persone e famiglie fragili

Non solo appartamenti: il progetto prevede la presenza di figure professionali e servizi adatti ad affrontare ogni tipo di fragilità

“Borghi per l’abitare”: a Varese l’housing sociale per persone e famiglie fragili
Cronaca Varese, 04 Maggio 2021 ore 13:09

Fondazione Sacra Famiglia ha avviato il progetto di housing sociale i “Borghi per l’abitare”. Sono undici gli appartamenti, a Leggiuno e a Cocquio Trevisago (Va), destinati a persone e nuclei familiari con fragilità, dove vivere in autonomia, ma con la possibilità di accedere a servizi sociosanitari in caso di necessità.

Nasce a Leggiuno e Cocquio il progetto “Borghi per l’abitare”

Undici appartamenti per accogliere persone e famiglie con fragilità, garantendo loro la possibilità di vivere in autonomia e di accedere a servizi sociosanitari in caso di necessità. Si chiama i “Borghi per l’abitare” il primo progetto di housing sociale realizzato da Fondazione Sacra Famiglia, che ha scelto il territorio varesino e in particolare Leggiuno e Cocquio Trevisago per il lancio di questa nuova iniziativa di solidarietà e rigenerazione urbana.

I dettagli del progetto

Il progetto i “Borghi per l’abitare” di Fondazione Sacra Famiglia offre soluzioni abitative a persone o nuclei familiari, di massimo due persone, in condizioni di fragilità (anziani soli, persone con disabilità e con autonomie limitate, nuclei in condizioni di disagio sociale) all’interno di un contesto di assistenza e cura e mettendo a disposizione uno staff di professionisti dedicati.

Alla funzionalità degli alloggi, confortevoli e completamente accessibili, si aggiungono una serie di servizi pensati per rispondere alle esigenze di persone che necessitano di un sostegno per la gestione della vita quotidiana.

“Gli appartamenti dei Borghi per l’abitare sono adatti a chi necessita di aiuto nello svolgimento delle attività quotidiane del vivere e desidera abitare in un luogo che concili autonomia e relazione – spiega Laura Puddu, Direttore delle sedi varesine di Fondazione Sacra Famiglia – Il progetto è pensato per accogliere quelle persone troppo fragili per abitare da sole, ma allo stesso tempo troppo autonome per risiedere in una struttura residenziale per non autosufficienti”.

3 foto Sfoglia la gallery

I due nuclei

I “Borghi per l’abitare” della provincia di Varese sono composti da due nuclei: uno a Cocquio Trevisago e uno a Leggiuno (in via Bernardoni, 2). Il Borgo di Cocquio Trevisago è situato nel perimetro della sede di Sacra Famiglia e usufruisce dei suoi servizi di mensa e ambulatoriali. Sono 7 i bilocali composti da un ingresso, cucina con soggiorno, camera con due letti e bagno attrezzato che si affacciano su una corte comune. Il Borgo di Leggiuno è costituito da 4 bilocali accessibili e dotati di dispositivi domotici, all’interno di una palazzina di due piani con ascensore e cortile. Gli appartamenti sono costituiti da ingresso, cucina con sala da pranzo, camera da letto con due posti letto e bagno attrezzato.

Non solo casa

Le famiglie e le persone fragili, segnalate dai Servizi Sociali dei Comuni di appartenenza, al momento dell’ingresso concordano un piano individualizzato che ha lo scopo di comprendere quali siano i bisogni specifici e attivare eventuali servizi aggiuntivi, come ad esempio il supporto infermieristico, quello di un Operatore Socio Sanitario (OSS), le prestazioni di fisioterapia a domicilio e il servizio mensa. Lo staff di professionisti di Fondazione Sacra Famiglia è composto da personale specializzato nella cura delle persone fragili: Educatori, Assistenti Sociali, Ausiliari Socio Assistenziali (ASA), Fisioterapisti, Infermieri professionali e volontari.

Le proposte di canone base previste sono 4 e dipendono dal tipo di occupazione e dal grado di supporto necessario concordato: relativa autonomia con basso supporto o con un supporto individuale maggiormente consistente. Questo nuovo servizio di Fondazione Sacra Famiglia arricchisce un territorio già molto sensibile e attento ai bisogni emergenti delle persone fragili in questo difficile momento storico.