Cronaca
Bollate

Bollate, dopo il battesimo lo striscione fascista: "Auguroni piccole balilla"

Le famiglie sono state convocate per fornire spiegazioni. Forte indignazione in paese

Bollate, dopo il battesimo lo striscione fascista: "Auguroni piccole balilla"
Cronaca Alto Milanese, 05 Aprile 2022 ore 17:03

Dopo il battesimo fuori dalla chiesa di San Bernardo a Bollate spunta lo striscione fascista: "Auguroni piccole balilla".

Dopo il battesimo lo striscione dello scandalo

"Auguroni piccola balilla": tra fumogeni e cori da stadio è comparso uno striscione sul sagrato della chiesa di San Bernardo di Cassina Nuova, a Bollate. L'augurio era rivolto ad delle bambine che avevano appena ricevuto il battesimo: lo striscione era tenuto da una decina di ragazzi.

"Inni al fascismo"

La foto e il video dell'episodio sono comparsi sui social: "Abbiamo assistitito a un disgustoso gesto fascista" tuona l'utente presente domenica pomeriggio fuori dalla chiesa. E ancora: "C'è da chiedersi chi l'abbia organizzato, c'è da chiedersi se il parroco o le istitutuzioni ne fossero al corrente. C'è da interrogarsi su come questi bambini siano stati strumentalizzati. Sono queste le nuove leve di Cassina Nuova?". Sono comparsi centinaia i commenti di sdegno da parte della cittadinanza che legge in quello striscione non poca nostalgia per il periodo fascista.

"Speravamo si trattasse di un cognome"

L'Amministrazione comunale in collaborazione con le Forze dell'Ordine hanno immediatamente avviato le indagini.

"Fin dall'inizio abbiamo sperato si trattasse di un fraintendimento, del cognome delle famiglie - ha affermato il sindaco di Bollate Francesco Vassallo - Come temevamo, però, non è così".

Chiari riferimenti al fascismo, dunque, hanno interrotto i festeggiamenti per i battesimi:

"Abbiamo individuato le famiglie coinvolte e sono state convocate per dare spiegazioni in merito all'accaduto".

I giovani erano ignari

A quanto emerge da indiscrezioni, i giovani che nella fotografia sorreggono lo striscione sono stati coinvolti a loro insaputa nell'episodio: i genitori dei ragazzi, infatti, hanno riconosciuto i propri figli nell'immagine girata sui social network. Sarebbe stato chiesto loro di tenere lo striscione al termine dei battesimi, ma non avevano idea di cosa stessero facendo.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter