Cronaca
Tradate

Blitz nei boschi dello spaccio, sequestrati coltelli, cellulari e droga

Un'altra operazione della Polizia locale nel contrasto allo spaccio di sostanze stupefacenti nel Parco Pineta

Blitz nei boschi dello spaccio, sequestrati coltelli, cellulari e droga
Cronaca Tradate, 25 Gennaio 2021 ore 10:13

 

La Polizia locale non si limita a controllare il traffico, le soste o a far rispettare il Dpcm, ma continua con impegno assiduo a controllare, vigilare e constare lo spaccio di droga nei boschi del Parco. L'ultimo blitz nei giorni scorsi che ha permesso di "disarmare" i pusher. Sequestrati infatti coltelli, cellulari e anche droga.

Blitz nei boschi contro lo spaccio

Non si placa l’offensiva della Polizia locale contro il traffico di droga ancora fiorente nei boschi del Parco Pineta. Anche nel lockdown l’attività di contrasto allo spaccio non si è fermata e continua costantemente anche in queste prime settimane dell’anno nel tentativo di sradicare un fenomeno ormai diffuso. I controlli sono assidui e costanti.

Nei giorni scorsi la squadra del comandante Claudio Zuanon e del vice Lorenzo Borroni hanno portato a termine una brillante operazione nei boschi dello spaccio che hanno visto impegnati anche i colleghi dei comandi di Polizia locale di Locate e Lonate Ceppino (coi quali Tradate è convenzionata).

Sequestrati coltelli, cellulari e droga

L’operazione è nata durante il consueto pattugliamento della zona, alla vista della vettura della Polizia locale alcuni acquirenti che sostavano sulla via per Castelnuovo si sono dati alla fuga.

L’equipaggio ha chiesto rinforzi e sono immediatamente sopraggiunte altre due pattuglie di Locate e Lonate (con cui da tempo Tradate collabora fattivamente) che hanno consentito l’ingresso in sicurezza nell’area boschiva permettendo il ritrovamento di: circa 110 grammi di hashish, di 2 grammi di cocaina, di un 1 grammo di eroina oltre a tre strumenti atti ad offendere (coltelli e lame di varia lunghezza) e a 4 telefoni cellulari presumibilmente in uso agli spacciatori. Il materiale è stato immediatamente posto sotto sequestro, ed è stata informata l’autorità giudiziaria.

TORNA ALLA HOME