Cronaca
Sette Laghi

Aveva perso il braccio in un incidente: l'equipe del Circolo lo reimpianta con successo

Due operazioni e oltre dieci ore complessive sotto i ferri: il braccio del ragazzo è salvo, ora speranza nella riabilitazione

Aveva perso il braccio in un incidente: l'equipe del Circolo lo reimpianta con successo
Cronaca Varese, 16 Gennaio 2023 ore 13:49

Quando quel ragazzo è arrivato in Pronto Soccorso dopo l'incidente, il braccio era distaccato dal corpo. E lo avrebbe perso, se non avesse trovato in sala operatoria l'equipe del dottor Fagetti che è riuscito a riattaccarlo con successo.

Perde il braccio in un incidente, il Circolo glielo restituisce

"Sono interventi rari, a Varese ne trattiamo mediamente uno all'anno e non solo su pazienti del nostro bacino di riferimento. Questo perché in Lombardia le strutture che hanno tutti i professionisti e le competenze per eseguire un reimpianto di grandi segmenti di arto sono quattro e ciascuno accoglie i pazienti che arrivano in emergenza anche da fuori zona, a seconda delle distanze e della disponibilità dell'équipe, che in pochissimo tempo deve costituirsi ed entrare in azione".

Introduce così il tema il Dott. Alessandro Fagetti, responsabile della Microchirurgia e Chirurgia della mano di ASST Sette Laghi, che può ora finalmente annunciare il buon esito di un delicato e complesso intervento all'arto superiore di un ragazzo vittima di un incidente stradale. Nell'urto, il braccio è stato strappato all'incirca a metà dell'omero, completamente staccato dal corpo ad eccezione di alcuni nervi rimasti continui.

Trasportato in Pronto Soccorso, il giovane è stato accolto dal trauma team con una composizione adattata proprio al caso specifico: non solo medico urgentista, anestesista rianimatore e chirurgo d'urgenza - il nucleo base - ma anche uno specialista della struttura di Microchirurgia e Chirurgia della mano.

Mentre venivano valutati i traumi cranico e toracico riportati dal paziente e che, pur di severa entità, non richiedevano un intervento, un'equipe chirurgica mista si è preparata ad operare il braccio. La tempestività è determinante e l'intervento deve iniziare nel giro di quattro ore al massimo.

L'operazione

In sala operatoria sono entrati il Dott. Alessandro Fagetti, Responsabile della Microchirurgia e Chirurgia della mano, la sua collaboratrice, la Dott.ssa Anna Brandolini, il chirurgo vascolare Nicola Rivolta, e l'anestesista Simone Binda, del servizio guidato dal Dott. Alessandro Bacuzzi.

L'obiettivo era tentare di salvare l'arto: in gergo tecnico si dice 'reimpiantarlo', in estrema sintesi, riattaccarlo e renderlo di nuovo funzionante.

In collaborazione con il chirurgo vascolare è stata ripristinata la vascolarizzazione del braccio sia arteriosa che venosa, utilizzando un vaso della gamba. Si è proceduto poi alla riparazione delle altre strutture gravemente lesionate dal trauma.

Terminata l'operazione, durata oltre sei ore, il paziente è stato affidato alle cure dei rianimatori della Terapia intensiva del Prof. Luca Cabrini, considerati anche gli altri traumi riportati nell'incidente.

Il post-operatorio

Il decorso dei primi giorni postoperatori ha confermato la buona riuscita dell'intervento, determinando la possibilità di procedere con l'operazione successiva, finalizzata alla ricostruzione della copertura cutanea.

L'équipe questa volta era composta dal Dott. Fagetti, dal suo collaboratore, il Dott. Julien Teodori, dal Dott. Federico Tamboriniuno degli specialisti della Chirurgia plastica guidata dal Prof. Luigi Valdatta, e dall'anestesista Mara Saporiti, sempre della squadra del Dott. Alessandro Bacuzzi.  

Prelevato un lembo di pelle con la relativa vascolarizzazione dalla coscia del paziente, lo si è posizionato a copertura del difetto cutaneo sul braccio, procedendo poi alla sua rivascolarizzazione. In tutto, questo secondo intervento è durato quattro ore.

I giorni seguenti non hanno evidenziato complicanze, il ragazzo è stato risvegliato e trasferito in un reparto di degenza ordinaria.

Ora il recupero

"La complessità di questo tipo di interventi sta sia nella varietà e numerosità dei passaggi che lo compongono, e che riguardano ossa, vasi, tendini, muscoli e pelle, sia nella visione prospettica con cui devono essere eseguiti, pensando sempre alla fase successiva - commenta Fagetti - Mentre esegui un intervento di questo tipo non hai alcuna certezza di quel che accadrà. Hai solo la tua valutazione delle reali possibilità di salvare l'arto e di quelle di renderlo nuovamente funzionante. Ma devi agire come se fossi sicuro del risultato".

In questo caso, si può confermare che il braccio del ragazzo è salvo. Quanto al suo funzionamento, nuovi segnali incoraggiano la speranza.

"Ci vuole ancora tempo, e poi ci vorrà della riabilitazione - spiega Fagetti - Ma ogni giorno è una conquista, ogni giorno le probabilità di successo, di quello pieno e completo intendo, aumentano".

Seguici sui nostri canali