Cronaca
Saronno

Attac Saronno: "In due ore e mezza raccolte 100 firme per la sanità pubblica"

Prossimo appuntamento: sabato prossimo, 15 ottobre, dalle 9,30 in piazza Libertà.

Attac Saronno: "In due ore e mezza raccolte 100 firme per la sanità pubblica"
Cronaca Saronno, 09 Ottobre 2022 ore 10:36

In due ore e mezza raccolte cento firme. “Se il buon giorno si vede dal mattino…”: comincia con questo detto tradizionale il soddisfatto commento delle attiviste e degli attivisti di Attac Saronno. E' il risultato del gazebo organizzato nella giornata di ieri, sabato 8 ottobre, nel centro di Saronno.

Attac Saronno: ottimo risultato

Alle 12,30, momento della smobilitazione, sono state   cento le firme raccolte da altrettanti residenti saronnesi di ogni sensibilità politica ed estrazione sociale, accomunati dalla richiesta di una sanità per tutti.

Riceviamo il comunicato di Attac Saronno sull'iniziativa per la sanità pubblica, tra le questioni l'ospedale e la casa della cura

Sono 500 le firme di residenti saronnesi, muniti di carta d’identità, che Attac Saronno – per una Società della Cura si impegna a raccogliere per portare l’Amministrazione comunale a deliberare su ben otto punti:

  1. iniziative per la corretta applicazione concreta della legge nazionale in materia di sanità, anche laddove quest’ultima risultasse in contrasto con la normativa regionale vigente nei termini evidenziati dai Ministeri competenti;

  2. iniziative verso la Regione Lombardia volte a tutelare il mantenimento dell’Ospedale di Saronno come struttura di primo livello;

  3. di operare affinché sia esclusivamente pubblica la gestione della Casa di Comunità prevista sul territorio di Saronno, evitando – nei limiti consentiti dalla legge - che la sua gestione venga affidata a soggetti giuridici di diritto privato;

  4. di farsi promotore nell’ambito dell’Asst Valle Olona di un ruolo più forte delle comunità locali, attraverso la richiesta di includere modalità di consultazione e decisione in cui siano presenti rappresentanti dei municipi e dei distretti coinvolti, con effettivo potere di intervento degli stessi nelle deliberazioni più importanti da assumere a questo livello;

  5. di aprire alla partecipazione della cittadinanza, in forma singola e/o organizzata, il tavolo cosiddetto ”sanità/ospedale” avviato suo tempo da questa amministrazione comunale;

  6. più in generale, di non compiere alcun atto che possa favorire la presenza di erogatori privati, ancorché “convenzionati” nei servizi sanitari territoriali;

  7. di avviare immediatamente un monitoraggio dell’offerta sanitaria pubblica e provata presente sul territorio comunale;

  8. di avviare immediatamente un’indagine epidemiologica da porre a fondamento delle proprie scelte e decisioni in materia di sanità.

Prossimo appuntamento: sabato prossimo, 15 ottobre, dalle 9,30 in piazza Libertà.

 

Seguici sui nostri canali