Cronaca
Carabinieri

Arrestato il ladro delle macchinette delle scuole di Busto

Tra febbraio e marzo avrebbe messo a segno tre colpi. Obiettivo: le monetine dei distributori di snack

Arrestato il ladro delle macchinette delle scuole di Busto
Cronaca Busto Arsizio, 06 Novembre 2021 ore 09:36

I carabinieri della Stazione di Busto Arsizio hanno arrestato, in esecuzione di una ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal G.I.P. su richiesta della locale Procura della Repubblica, un 26enne ritenuto autore di una serie di furti ai distributori automatici nelle scuole.

Ladro delle macchinette, tre colpi a Busto

Le indagini hanno permesso di accertare tre diversi furti perpetrati in serie e a distanza di pochi giorni tra il mese di febbraio e il mese di marzo di quest’anno all’interno di una scuola per l’infanzia e, per due volte nello stesso mese, in una scuola primaria di Busto Arsizio.

L’obiettivo erano i distributori automatici di snack e bevande collocati all’interno delle scuole, proprio nel periodo in cui erano in vigore le restrittive misure di contenimento del covid-19.

A caccia di monetine

Il modus operandi utilizzato era sempre lo stesso: l’arrestato si introduceva in piena notte all’interno degli edifici infrangendo i vetri delle porte finestre, provocandosi anche delle ferite alla mano, e, dopo aver individuato i distributori, previa effrazione, si impossessava delle monete contenute all’interno per un valore di diverse centinaio di euro.

Sono state proprio le tracce ematiche rinvenute a seguito dei sopralluoghi effettuati ed analizzate dal Reparto Investigazioni Scientifiche dei Carabinieri di Parma a consentire l’individuazione dell’autore, già noto alle Forze dell’ordine.

I distributori automatici non erano, però, gli unici obiettivi. In un caso è stato rubato un computer e strumentazione audio utilizzate dalle scuole per svolgere le lezioni. Anche gli scaffali delle mense scolastiche venivano saccheggiati di tutte le provviste e, in alcuni casi, i cibi e le bevande venivano consumati nel corso del furto.

L’ordinanza di custodia cautelare in carcere è stata notificata presso la Casa Circondariale di Busto Arsizio ove l’arrestato era già detenuto per altri reati.