Menu
Cerca
Ambiente

Ambiente, il progetto “BrianzaStream” si estende al fiume Olona

La Vicepresidente del Consiglio Francesca Brianza: "Uno strumento fondamentale per monitorare lo stato di salute del nostro fiume e per individuare eventuali sversamenti abusivi"

Ambiente, il progetto “BrianzaStream” si estende al fiume Olona
Cronaca Valle Olona, 20 Aprile 2021 ore 13:49

Estendere il progetto “BrianzaStream” alle acque del fiume Olona. Questo il contenuto della risoluzione approvata oggi, martedì 20 aprile, in Consiglio Regionale. Ma di cosa si tratta?

Fiume Olona pulito grazie a “BrianzaStream”

Il progetto “BrianzaStream” prevede la mappatura degli scarichi e un monitoraggio costante per migliorare la qualità delle acque riducendo l’inquinamento, minimizzando il rilascio di sostanze chimiche e materiali pericolosi. Tale censimento, già attuato sul fiume Seveso con ottimi risultati, impiega l’utilizzo delle più moderne tecnologie tra le quali il sorvolo di droni con telecamere ad infrarossi per raggiungere le zone più impervie e inaccessibili dei bacini fluviali ed individuare scarichi ad oggi sconosciuti.

Brianza: “Tema fondamentale per il nostro territorio”

Soddisfatta del voto in aula la Vicepresidente del Consiglio Regionale Francesca Brianza:

“Il fiume Olona – commenta Brianza – attraversa gran parte della Provincia di Varese e rappresenta un importantissimo bacino che ha conosciuto periodi di grave criticità. Il monitoraggio costante e la raccolta dei dati non possono che contribuire al miglioramento de livello della qualità delle acque, tema fondamentale per il nostro territorio.

In tema di tutela delle acque – prosegue – le politiche di Regione Lombardia si prefiggono infatti di valorizzare i corsi d’acqua superficiali, sotterranei e i laghi individuando in questi elementi una fondamentale risorsa la cui tutela è imprescindibile per il benessere di tutti i cittadini.

 Il progetto BrianzaStream – conclude Brianza – potrebbe davvero rappresentare uno strumento fondamentale per monitorare lo stato di salute del nostro fiume e per individuare e contrastare tempestivamente eventuali sversamenti abusivi e situazioni di particolare criticità”.