Cronaca
Salute

All'Ospedale di Busto arriva la terza camera sterile per l'Ematologia

Allestita anche grazie al contributo dell'associazione "Mutua Assistenza Sanitaria Gallarate", che ha finanziato anche una borsa di studio per il data-manager del reparto

All'Ospedale di Busto arriva la terza camera sterile per l'Ematologia
Cronaca Busto Arsizio, 19 Ottobre 2021 ore 12:50

Da due a tre. Cresce il numero delle camere sterili dell’Ematologia dell’Ospedale di Busto Arsizio.

Alleanza pubblico/volontariato per la terza camera sterile dell'Asst Valle Olona

Una crescita, quella del numero di camere sterili, parallela all’incremento della attività ematologica, che ha fatto emergere la necessità di ampliare la sezione di nuovi ambienti microbiologicamente controllati.

L’ASST Valle Olona ha così acquistato la terza camera sterile, già operativa, grazie anche al contributo dell’associazione “Mutua Assistenza Sanitaria Gallarate”, diretta da Angelo Mismirigo. Il costo complessivo è di oltre 30mila euro. La stessa associazione ha finanziato inoltre una borsa di studio per il data-manager del reparto, del valore di 12mila euro.

L'Ematologia a Busto

La struttura complessa di Ematologia nasce nel giugno 2018 e finalizza l’esperienza sul campo nella nostra azienda ultraventennale, in cui l’attività trapiantologica è stata sempre un’eccellenza.

L’attività è cresciuta in questi tre anni, nonostante il periodo pandemico, con terapie sempre più complesse nella gestione del paziente oncoematologico. La necessità di isolamento di tali pazienti, oltre il trapianto, coinvolge molte altre patologie dove il rischio infettivo è molto elevato, come la leucemia acuta.

"Presa in carico sempre più sicura per i pazienti"

“La terza camera sterile rappresenta un bell’esempio di integrazione tra sanità pubblica e volontariato – afferma il dottor Fabrizio Ciambelli, Direttore della struttura complessa di Ematologia dell’ASST Valle Olona - con il risultato di garantire al paziente ematologico una presa in carico sempre più sicura per le consolidate terapie oncoematologiche, che richiedono auto-trapianto e/o isolamenti, e in vista delle nuove strategie terapeutiche che stanno emergendo nella cura di queste gravi patologie, oggi sempre più curabili”.

Il Direttore sanitario dell’ASST Valle Olona, dottor Claudio Arici: “Questo risultato è la somma della credibilità che si sono conquistati i nostri professionisti, dei quali siamo orgogliosi, e della sensibilità delle associazioni del terzo settore che operano nel nostro territorio. Faremo di tutto per stare a fianco di entrambi”.