Attualità
L'iniziativa

Un centinaio di studenti per la marcia della legalità a Castellanza

Ad ogni sosta i ragazzi hanno proposto un momento di riflessione sul tema della legalità.

Un centinaio di studenti per la marcia della legalità a Castellanza
Attualità 26 Maggio 2022 ore 15:05

Dopo l’incontro delle scuole con il Sostituto Procuratore di Trapani Franco Belvisi sul tema della legalità e sulla giustizia dello scorso 13 maggio, l’Amministrazione Comunale di Castellanza, in attuazione del Piano Diritto allo Studio 2021-22, ha organizzato la “Marcia della Legalità”, nella mattina di mercoledì 25 maggio.

Un centinaio di studenti per la marcia della legalità a Castellanza

L’iniziativa ha visto coinvolti un centinaio di studenti, gli alunni delle classi di terza media del Plesso Da Vinci, e i loro docenti che, accompagnati dagli agenti della Polizia Locale, insieme hanno attraversato le vie della città per ricordare l’importanza dell’essere uniti per la legalità e contro tutte le mafie. La partenza – assieme al sindaco della Città di Castellanza, Mirella Cerini, e all’Assessore alla Cultura, all’Istruzione, Davide Tarlazzi e al Dirigente Scolastico, Giuseppe Rizzo - al Parco dei Platani davanti alle scuole Da Vinci, con tappe in Via Trento Trieste (Corte del Ciliegio), Piazza Castegnate (Biblioteca Civica) e arrivo nel cortile del Palazzo Municipale, per l’incontro con le autorità cittadine.

Ad ogni sosta i ragazzi hanno proposto un momento di riflessione sul tema della legalità. All’arrivo nel cortile del Palazzo Municipale la parola è passata al Sindaco della Città di Castellanza, Mirella Cerini, all’Assessore alla Cultura e all’Istruzione, Davide Tarlazzi e al Dirigente Scolastico, Giuseppe Rizzo.

“La memoria e l’impegno – commenta l’assessore Davide Tarlazzi – sono le due parole fondamentali nella lotta all’illegalità e alle mafie. Il ricordo di persone emblematiche, come Falcone, Borsellino, Puglisi, Impastato e moltissimi altri, che hanno dato la vita per questi valori, ma anche le riflessioni di oggi, ascoltando le loro vite e le loro parole, marciando attraverso la città con striscioni e cartelli, devono diventare un segno chiaro del no ad una cultura di mafia, di illegalità e di compromessi. L’accettazione della sfida di un impegno grande ma che può essere affrontato a piccoli passi, ogni giorno anche nel nostro piccolo e restando uniti".

“A Castellanza – conclude il sindaco Mirella Cerini – “in questi anni sono stati confiscati alla mafia ben 3 immobili. I primi due diventati già di proprietà del Comune e affidati in concessione a enti del Terzo Settore, per progetti in ambito sociale. Ma quello della lotta per la legalità è un tema comune, che ci coinvolge tutti e da vicino. E ognuno nel quotidiano è chiamato a combatterla con ogni mezzo, con gesti semplici ma dal profondo valore, non solo rispettando le regole, cosa che è fondamentale, ma anche rendendoci parte attiva quando veniamo a conoscenza di episodi e situazioni al di fuori della legalità. Tra i ragazzi per esempio, è noto il fenomeno del bullismo. Segnalando e parlandone alle famiglie e agli insegnanti, possiamo tutti contribuire a togliere l’ossigeno che alimenta l’illegalità e l’ingiustizia e possiamo davvero fare la differenza”.

Molti i ringraziamenti da parte delle autorità agli studenti, agli insegnanti e al Dirigente Scolastico Rizzo per l’ottimo lavoro svolto, in collaborazione con l’Ufficio Cultura e con l’invito a continuare l’impegno dalla parte della legalità e della responsabilità perché, come sosteneva Giovanni Falcone, “gli uomini passano, le idee restano e continueranno a camminare sulle gambe di altri uomini”.

4 foto Sfoglia la gallery
Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter