Attualità
Attualità

«Quali edifici mantenere?» La parrocchia di Venegono ha lanciato un sondaggio ai fedeli

I costi aumentano e le offerte diminuiscono.

«Quali edifici mantenere?»  La parrocchia di Venegono ha lanciato un sondaggio ai fedeli
Attualità Tradate, 06 Novembre 2022 ore 14:31

I costi di gestione aumentano, le offerte diminuiscono, il mondo cambia e tante esigenze che un tempo avevano portato alla creazione di nuovi spazi adesso si vanno sempre più affievolendo.

La parrocchia interpella i fedeli

Gli sconvolgimenti sociali ed economici dell’ultimo periodo (non da ultimo l’impennata dei costi dell’energia) hanno portato la parrocchia di Venegono a interrogarsi su quali siano le vere esigenze della comunità in questo periodo storico. Poco prima dell’estate, perciò, ai fedeli è stato perciò chiesto quali sono, secondo loro, gli ambiti da tutelare nel prossimo futuro (animazione e tempo libero, attività aggregative, attenzione agli anziani, attenzione alla disabilità, carità e accoglienza, cura dell’ambiente, disagio giovanile, educazione cristiana, liturgia e sacramenti, promozione culturale e sostegno alla famiglia) per aprire un canale di riflessione su quali siano gli obiettivi futuri della comunità, e allo stesso tempo decidere su quali edifici investire per limitare le spese.

Un questionario inviato a tutte le famiglie

Il questionario, inviato a tutte le famiglie della comunità pastorale, è stato introdotto da una lettera di don Roberto Rossi: «Come dice Papa Francesco, stiamo vivendo un cambiamento d’epoca. La pandemia ha accelerato questo cambiamento [...] Dobbiamo allora interrogarci: quali strutture delle nostre parrocchie (edifici, chiese, oratori, ecc) ci servono per le nuove modalità di evangelizzazione? Per queste modalità quali strutture ci sono ancora necessarie e come possiamo usare nella consapevolezza che in futuro non avremo più la forza economica per mantenerle tutte efficienti e adeguate? Si tratta di strutture costruite con il contributo di tanti e per il bene comune: il suggerimento di ciascuno a una soluzione adeguata al nuovo contesto è veramente rilevante».

Seguici sui nostri canali