Attualità
Valle Olona

Puzze in Valle Olona, Cattaneo: "Quadro molto chiaro, ora un tavolo con le aziende per una soluzione"

L'assessore regionale: "Chiedo pazienza ai cittadini, il 31 gennaio ci ritroveremo. Non vogliamo chiudere le aziende, cerchiamo insieme una soluzione"

Attualità Valle Olona, 15 Dicembre 2021 ore 12:48

Che sia la volta buona, dopo 13 anni di lotta alle puzze in Valle Olona? Oggi, mercoledì 15 dicembre, l'assessore regionale all'Ambiente Raffaele Cattaneo ha fatto visita a Olgiate Olona e a Castellanza nei due luoghi dai quali i cattivi odori si diffondono in tutto il territorio: il Pozzetto 49 a Castellanza e il depuratore di Olgiate Olona.

Puzze in Valle Olona, Cattaneo: "Nuovo incontro a gennaio ma quadro già molto chiaro"

Prossimo incontro il 31 gennaio, poi l'incontro pubblico e se sarà necessario nuovi interventi per risolvere una volta per tutte il problema. Raffaele Cattaneo, assessore all'Ambiente di Regione Lombardia, ha aperto così le sue dichiarazioni nel punto stampa aperto dopo i due sopralluoghi in Valle Olona a caccia dell'origine dei cattivi odori.

 

"Ci troveremo il 31 gennaio per uno step ulteriore di verifica di una serie di impegni presi da vari soggetti. In questo mese e mezzo l'obiettivo è costruire insieme un percorso di miglioramento, se così non fosse le istituzioni avranno strumento per intervenire laddove non riscontrassimo atteggiamento collaborativo - ha dichiarato - Potremo così definire ulteriormente un quadro già molto chiaro e se necessario si prenderanno provvedimenti conseguenti, e che potremo comunicare ai cittadini nell'incontro già organizzato a febbraio".

"Nessuno è rimasto fermo"

L'assessore ha anche ribadito che in questi anni tutte le istituzioni avrebbero fatto la propria parte, smentendo dunque le accuse del Comitato No Elcon: "La questione è nota da 13 anni, ci sono stati una serie di interventi normativi regionali, iniziative dai comuni per monitorare cosa stava succedendo e monitoraggio dalla Provincia, titolare dell'autorizzazione ambientale integrata sotto la quale opera la principale azienda 'indiziata', la Perstop, e le altre due aziende, Tessa ed Ecosis".

Depuratore "amplificatore" ma non causa degli odori

La quarta struttura spesso indicata come origine delle puzze è il depuratore gestito da Alfa ad Olgiate. Ma, secondo Cattaneo, questo non sarebbe la "causa" degli odori ma un loro "amplificatore":

"Se al depuratore arrivano componenti odorigene, i loro prodotti vengono amplificati nelle vasche. Ma il problema è a monte".

Dove? "Si sono fatti sopralluoghi al Pozzetto 49 in passato, e chi lo ha fatto ci ha confermato che lì non si poteva stare per via dell'odore. Oggi non era particolarmente impattante ma è risultato comunque evidente che lì c'è una causa del problema.

"Chiediamo pazienza ma nessun rischio sulla salute"

Cattaneo ha concluso con un appello ai cittadini della Valle Olona:

"Chiedo ancora pazienza fino alla fine di gennaio, per un confronto costruttivo nell’ottica di trovare soluzioni insieme. Diversamente procederemo con un secondo step. Il nostro obiettivo non è che le aziende chiudano, ma fermare la puzza. Sediamoci attorno a un tavolo e cerchiamo insieme una soluzione, perchè riteniamo ce ne siano nell'interesse di tutti. Unìaltra cosa che allarma molto la popolazione é l'impatto sulla salute. Ats sta portando a termine le verifiche e non ci sono legami. Certo è che le puzze sono fastidiose".

Cerini: "Siamo ottimisti"

"Ci sentiamo ottimisti - ha commentato il sindaco di Castellanza Mirella Cerini -  L’interessamento di Regione e dell’assessore ci rassicura e ci dà anche tempistiche certe. Grazie a questo nuovo impulso c’è la possibilità di dare delle risposte ai cittadini in tempi brevi".

Ringraziamenti a Cattaneo anche dal sindaco di Marnate Maria Elisabetta Galli e dal consigliere comunale di Olgiate Olona Leonardo Richiusa: "Vogliamo assolutamente che ci sia collaborazione e un confronto. Un ringraziamento ad Arpa che in questi anni ha sempre lavorato con costanza e un grazie ai cittadini e alle associazioni ambientaliste che hanno portato all’attenzione questo annoso problema".

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter