Attualità
L'iniziativa

Gruppo Panchina Rossa Origgio aderisce all'iniziativa "Toponomastica femminile" e coinvolge le scuole

I ragazzi hanno presentato le tre figure femminili da loro scelte.

Gruppo Panchina Rossa Origgio aderisce all'iniziativa "Toponomastica femminile" e coinvolge le scuole
Attualità Saronno, 10 Giugno 2022 ore 11:29

L’8 marzo scorso il Gruppo Panchina Rossa aveva aderito alla campagna promossa da Toponomastica femminile “8 marzo, 3 donne, 3 strade”.

Gruppo Panchina Rossa Origgio aderisce all'iniziativa "Toponomastica femminile" e coinvolge le scuole

Il racconto del Gruppo: "Avevamo coinvolto il sindaco e il Consiglio Comunale per impegnarsi a dedicare le prossime tre aree di circolazione a tre figure femminili: una di rilevanza locale, una nazionale e una straniera, attivando un confronto partecipato con le scuole. Con grande sensibilità le alunne e gli alunni di terza della Scuola Secondaria di Primo Grado “G. Schiaparelli” di Origgio, con le loro insegnanti ed educatrici/tori, hanno accolto il progetto. Così martedì 31 maggio alle ore 21, presso la Scuola, gli alunni hanno presentato il proprio lavoro di ricerca, alla presenza del Sig. Sindaco, dr. Evasio Regnicoli, all’assessora all’Istruzione P.I Elena Cislaghi, ai genitori degli alunni e alla cittadinanza. Gli alunni hanno aperto la serata con una presentazione dell’Agenda 2030 delle Nazioni Unite, Obiettivo n. 5: Raggiungere l’uguaglianza di genere ed emancipare tutte le donne e le ragazze. Hanno quindi presentato le tre figure femminili da loro scelte.

Nome di rilevanza straniera: Marie Louise Curie. Gli alunni si sono alternati nella lettura della vita della grande fisica, facendo parlare in prima persona Marie e Pierre Curie.

Nome di rilevanza nazionale: Rita Levi Montalcini. La storia di questa grande accademica è stata raccontata al pubblico in forma giornalistica, come un’intervista fatta ai giorni nostri.

Nome di rilevanza locale: Carolina Monza. Nata nel 1926 e ultima di 6 figli, Carolina Monza ha studiato presso l’Università di Milano dove nel 1950 ha conseguito un diploma, paragonabile all’attuale laurea “magistrale”. In seguito divenne dipendente comunale con la qualifica di ostetrica condotta e appoggiata dall’ufficiale sanitario Dott. Loi, volle aprire ad Origgio un consultorio familiare per poter effettuare le vaccinazioni ai bambini. Nell’ipotetica intervista fatta dai ragazzi all’ostetrica origgese, Carolina Monza ha dichiarato che sarebbe molto orgogliosa di avere una via a lei dedicata, anche perché sarebbe un ricordo gradito per i seimila bambini nati negli anni ’60 e ’70 fra Origgio e Uboldo, grazie al suo lavoro instancabile e appassionato.

Il pubblico presente si è lasciato contagiare dall’entusiasmo e dall’impegno con cui le alunne e gli alunni hanno sviluppato e presentato questo bellissimo lavoro di ricerca. Inoltre il Gruppo Panchina Rossa ha salutato con piacere l’Amministrazione Comunale, sindaco e assessora, che con la loro presenza e il saluto finale hanno apprezzato la proposta di “Toponomastica femminile”, di intitolare le future vie o i nuovi spazi pubblici a figure femminili, cominciando dai tre nomi proposti dalle ragazze e dai ragazzi della Scuola Secondaria di Primo Grado G. Schiaparelli “di Origgio. Grazie a tutte e a tutti per la bella serata e ricordiamoci che la cultura del rispetto parte anche da qui".

3 foto Sfoglia la gallery
Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter