Attualità
Commercio

Green Pass e obblighi, Uniascom Varese: "Lockdown mascherato, servono ristori"

Cinque richieste al Governo, tra le quali sgravi per chi si trova costretto a sostituire un dipendente non vaccinato e quindi assente ingiustificato

Green Pass e obblighi, Uniascom Varese: "Lockdown mascherato, servono ristori"
Attualità Varese, 19 Gennaio 2022 ore 14:39

Il grido di Uniascom di fronte al ritorno per il mondo del commercio a una situazione di grande difficoltà economica: "Paghiamo le conseguenze di un lockdown mascherato"

"Lockdown mascherato", Uniascom chiede ristori e interventi

"Anche nella nostra provincia, commercio e terziario sono tornati ad una situazione critica che pensavamo di esserci lasciati alle spalle. Le città sono vuote, i turisti sono spariti, i saldi sono molto al di sotto delle aspettative: stiamo subendo le conseguenze di un lockdown mascherato".

Il presidente di Uniascom Rudy Collini e i presidenti delle Ascom territoriali (Giorgio Angelucci Varese, Renato Chiodi Gallarate, Andrea Busnelli Saronno, Franco Vitella Luino) lanciano l’allarme e soprattutto chiedono al Governo interventi urgenti e mirati.

Nuovi ristori, moratorie creditizie e un nuovo ciclo di cassa integrazione sono le richieste del presidente nazionale Carlo Sangalli e del vicepresidente di Confcommercio Lombardia Carlo Massoletti. I cinque presidenti del Varesotto sottoscrivono le istanze e ne aggiungono una quarta e una quinta, riferite alla misura che introduce dal 15 febbraio l’obbligo vaccinale per i lavoratori over 50: sgravi contributivi anche per il personale che sostituisce il dipendente assente ingiustificato; adeguati e tempestivi ristori alle imprese che subiranno le eventuali conseguenze economiche derivanti dalla misura governativa.

I negozi sono luoghi sicuri

Oltre alle difficoltà dovute alle regole anticontagio, ci sono quelle dovute a una clientela che frequenta sempre meno i negozi e i centri cittadini, per lo più per timore del contagio o di trovarsi in quarantena. Uniascom spiega quindi che contemporaneamente alle misure di sostegno, si dovrà trovare il modo di invogliare le persone ad uscire, a tornare a vivere le proprie città. In questo caso i presidenti provinciali fanno loro le parole del vicepresidente regionale Massoletti:

"Ha ragione quando sostiene che l’unica strada per garantire una solida ripresa dell’attività economica e sociale è quella di un messaggio che ristabilisca la fiducia, grazie al combinato disposto di una forte campagna vaccinale e consolidate e diffuse misure di sicurezza. Bisogna ribadire e fare capire che le nostre attività commerciali, grazie alla serietà con la quale gli imprenditori hanno applicato e stanno applicando le misure governative, sono luoghi sicuri, sicurissimi".

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter