Attualità
Saronno

Forza Italia e il primo Natale a Saronno senza Paolo Strano

Nei suoi anni da assessore era l'anima del Natale in città. Forza Italia: "Amava la città che l’aveva adottato e ad essa donava il suo tempo con grande abnegazione"

Forza Italia e il primo Natale a Saronno senza Paolo Strano
Attualità Saronno, 08 Dicembre 2021 ore 09:07

E' ancora forte il ricordo di Paolo Strano, l'ex assessore di Saronno scomparso improvvisamente ad aprile. Un ricordo che si fa ancora più intenso in queste settimane che precedono il Natale in città, al quale si era sempre dedicato con grande impegno e passione. Il messaggio del gruppo di Forza Italia.

Saronno, Natale senza l'ex assessore Paolo Strano

In questi giorni di Dicembre il pensiero va a Paolo Strano, alla passione e alla dedizione con cui organizzava il Natale in città. Paolo si prodigava con entusiasmo e generosità.

Forza Italia vuole ricordare un uomo con il quale ha sempre mantenuto rapporti personali e politici ininterrotti che ha dedicato la sua vita alla nostra città. Vogliamo ricordare il suo lavoro come Assessore al Commercio della giunta Fagioli e il suo impegno politico e personale.

Nei mattini di dicembre lo si poteva incontrare in piazza dove rimaneva fino a tardi per controllare che tutto l’impianto organizzativo del Natale andasse come previsto e che tutto funzionasse.

Paolo amava Saronno: amava la città che l’aveva adottato e ad essa donava il suo tempo con grande abnegazione.

Nell’ultimo anno di amministrazione Fagioli, già a Settembre, accarezzava l’idea di una proiezione della natività sulla facciata della Prepositurale. Lui personalmente aveva seguito poi la realizzazione del progetto, la realizzazione dei dischi per la proiezione e tutto l’aspetto tecnico della stessa. A Novembre curava che venissero montate le luminarie lungo le strade cittadine che i primi giorni di dicembre venivano accese.

Paolo amava la sua terra natia e ogni anno con l’Associazione Sicilia a Saronno, della quale ha ricoperto la carica di Presidente diversi anni, ha organizzato al Teatro Pasta il concerto dell’Epifania il cui ricavato veniva devoluto in beneficenza. Quest’anno lui non c’è ma il concerto è stato ugualmente organizzato con l’impegno di tutti gli associati e anche di suo figlio Enzo foriero delle volontà di suo padre. Paolo era l’anima anche della diverse iniziative di solidarietà che sia come socio Lions che come fondatore dell’Istituto Prealpi vedevano la luce in occasione delle feste.

Paolo, con il suo impegno e le sue idee manca a noi tutti e alla città che tanto amava.